Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Il mito della Profondità

Il mito della Profondità

Un funerale senza nostalgia per Sua Eminenza la Profondità. Così l’articolo di Baricco, pubblicato da la Repubblica il 26 agosto 2010 con il titolo 2026 – La vittoria dei barbari, seppellisce sotto una tomba di cemento il concetto di profondità: oggi tutto accade in superficie ma siamo davvero sicuri che il suo mito sia definitivamente morto?
L’idea di profondità ci martella in ogni testo pubblicitario. La battaglia del nostro prodotto è quella di “pulire in profondità”, “eliminare in profondità”, “nutrire in profondità”, “idratare in profondità”, insomma di insinuarsi in profondità a qualunque costo. Ma dietro a ciò, ci si chiede se davvero la pelle sia un tessuto così profondo come ci viene suggerito. Dire che un detersivo pulisce in profondità significa supporre che la biancheria sia profonda, ma a conti fatti i tessuti sono tessuti e non portali che aprono a un mondo parallelo dotato di una profondità oscura e sconosciuta. La guerra allo sporco, la missione idratazione sembrano quasi crociate in terre sconosciute. Epica del quotidiano che non avrebbe alcun senso di esistere se non che, forse, questa è l’unica epica che ci rimane?
In tempi di campagna elettorale nessuno di noi può fare a meno di alzare gli occhi sui manifesti pubblicitari che inneggiano a questo o a quell’altro candidato. Ognuno di loro sembra un’ancora di salvezza. L’immagine del candidato è un’estrema sintesi di profondità sociale e morale, di un modo di essere ineffabile che crea suggestione. Il mito della profondità dilaga.
La versione odierna dei miti ci spiazza ma ci deve interrogare. La confusione dei significati oggi è un elemento essenziale della società e della cultura per così dire di massa, perciò tranquilli, i miti esistono ancora ma si sono sistemati su binari altri rispetto a quelli di un tempo. Roland Barthes già a metà degli anni Cinquanta scriveva pagine sublimi di Mythologies (Éditions du Seuil, 1957), rendendo conto della mistificazione che trasforma la cultura piccolo-borghese in mito.

Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

mercoledì 17 Aprile 2024