Chi più in alto sale, più a lungo sogna

Questo articolo fa parte del laboratorio Scrittori di classe

Vivo in un piccolo paesino immerso tra grandi e fantastiche montagne. Essere nato e cresciuto qui mi ha insegnato ad amarle e a conoscerle. Amo fare lunghe passeggiate con i miei amici e ogni volta ci piace scoprire luoghi nuovi e raggiungere rifugi sempre diversi.

Dell’andare in montagna amo tutto, dal momento in cui devo preparare lo zaino con l’occorrente al momento in cui mi ritrovo con i miei amici, tutti pronti a partire. Mi piace persino la fatica, quando mi inerpico su un sentiero immerso nel verde di un bosco o nel silenzio della natura. Ma la parte più bella è quando si arriva alla meta. È quando si raggiunge una cima, è quell’attimo in cui ti siedi, sfinito a affaticato, e ti guardi attorno. O meglio: guardi sotto di te. Il panorama che vedi da una vetta è mozzafiato e allora pensi che sia valsa la pena alzarsi presto e fare fatica.

passeggiate-montagna_gl

Ogni mattina, quando esco di casa e alzo lo sguardo non posso fare a meno di restare senza fiato per la vista che mi si presenta davanti. Il sole che fa capolino da dietro le montagne e le cime che si stagliano contro il cielo riescono sempre ad emozionarmi, anche se questo è il paradiso che vedo ogni giorno. Non c’è altro posto al mondo in cui vorrei vivere.

Chi non è mai andato in montagna non può capire quello che sto cercando di dire ed è proprio per questo che mi sento di consigliare a tutti di sperimentare questa sensazione almeno una volta. Non dev’essere per forza un percorso difficile, non serve scalare l’Everest per provare queste emozioni. Basta una semplice passeggiata, fatta in solitudine o in compagnia. La montagna è terapeutica, permette di prendersi una pausa dalla frenesia della vita quotidiana e insegna a conoscere sé stessi.

Scrittori di classe
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Per la nostra rubrica "Underword", un approfondimento dedicato alle cosiddette parole intraducibi ...
  • Il quarto appuntamento della nostra rubrica "L'atleta del mese" è dedicato a Sara Simeoni, campi ...
  • Continua il percorso di UnderTrenta alla scoperta dei percorsi del Bando Generazioni 2021: oggi r ...
  • Festival dello Sport, Lilian Thuram contro la “trappola” del razzismo: una lezione di sport e ...
  • Per la nostra rubrica "Giovani e lavoro" abbiamo intervistato Davide Penna, giovane titolare dell ...
  • Per la nostra sezione Cultura, proponiamo la recensione del libro “Il movimento del mondo” di ...

domenica 24 Ottobre 2021