Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

La ricerca sulle “famiglie inaffidabili”

Ecco a chi non dare in custodia neanche il basilico

La ricerca sulle “famiglie inaffidabili”

Uno studio della Joseph Myself Thinking University iniziato nel 1986 e condotto su circa 7 miliardi di individui, tra cui uomini e donne, bambini e anziani, neri, bianchi, gialli e anche qualche animale domestico, alcuni analizzati per via diretta, altri grazie a sofisticatissimi strumenti cibernetici, ha paragonato i diversi tipi di famiglia esistenti per capire in quale nucleo affettivo si cresca meglio.

Nonostante l’italico divieto di considerare “famiglia” ogni entità consociativa che si allontani dall’immagine laica della casa con il “Mulino candido”, lo studio ha preso in considerazione mamme e papà con figlio unico, sposati o meno; mamme e papà con due o più figli; mamme e papà con figli e nonno con bastone che pascola per casa; mamma e papà con figli, nonno, bastone e accumulo di pelo con zampe e occhi che chiedono cibo; mamme single con figli; mamme separate con figli; papà separati e con assegni di mantenimento da versare; papà vedovi con figli; mamme e mamme con figli di precedenti unioni; mamme e mamme con figli propri; papà e papà di tutti i tipi e anche nonni con nipoti lasciati in affidamento da uteri e prostate poco responsabili.

Lo studio ha analizzato le potenziali devianze che ogni famiglia fuori dai canoni può provocare nello sviluppo di un bambino, seguendo quest’ultimo dal primo vagito al compimento del 26° anno d’età. E i risultati sono scioccanti! Alcune categorie di famiglie compromettono notevolmente la crescita psicologica (e talvolta fisica) di un essere umano ed è necessario che i Legislatori prendano urgenti provvedimenti per arginare il rischio della proliferazione di tali unioni e scongiurino il pericolo dell’estinzione umana.

Le abbiamo classificate come “famiglie ignoranti” o “soggetti ostili alla cultura e all’evoluzione sociale”. Per le prime si ritiene fondamentale una cura intensiva che racchiuda almeno un ripasso degli studi elementari, medi inferiori e superiori, da affiancare ad una lettura obbligatoria di testi letterari classici e moderni e alla visione di un repertorio cinematografico da selezionare. Fortemente bandita la televisione e i programmi d’intrattenimento, soprattutto pomeridiani. Per i secondi potrebbe non esserci una soluzione: internarli, punirli, costringerli ai lavori forzati o all’isolamento è un errore storico da non ripetere, ma una via d’uscita va trovata. Alla sensibilità e intelligenza del Legislatore il passo successivo.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

domenica 26 Giugno 2022