Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

La generazione con lo zaino in spalla

occhio-sul-mondo

Se si chiedesse a un campione di occidentali di indicare una caratteristica marcante dei due decenni che hanno chiuso il secolo XX e ci hanno lanciati nel XXI, la maggior parte la individuerebbe, probabilmente, nello sviluppo tecnologico, rapidissimo negli ultimi tempi. L’insieme dei nati tra gli anni Ottanta e i primi Duemila non è noto solo come Generazione Y, in opposizione a quella precedente, la X, o come Echo Boomers, ossia eco del baby boom del dopoguerra, ma anche come Net Generation, la generazione della rete. Infatti, tra i principali connotati dei cosiddetti Millennials spiccano l’affinità con il mondo della comunicazione istantanea, la familiarità con internet e le sue potenzialità e, di conseguenza, l’ampio utilizzo di (nuovi) media e tecnologie digitali. I giovani dei Paesi considerati sviluppati vivono in un intreccio fatto di scambi continui tramite e-mail, sms, siti di social networking e canali dedicati di video e fotografie; sono animali tecnologicamente sociali, se ci è consentito storpiare la ben nota definizione aristotelica.
Alcuni italiani, pensando al trentennio passato, potrebbero invece individuarne un altro aspetto tipico: la precarietà, soprattutto lavorativa. Emblematico in tal senso è un film del 2009, nel quale l’accento non cade sulla Y né sulla rete, ma sulla Generazione 1000 Euro. Cervelli in fuga, assunzioni a tempo determinato, laureati iperqualificati senza lavoro, tirocini gratuiti, stipendi troppo bassi per sopravvivere, persone costrette a reinventarsi ogni giorno e a svolgere quattro professioni diverse per tirare fino alla fine del mese, trentenni che vivono ancora con i genitori per risparmiare qualche soldo sull’affitto sono fenomeni sempre più comuni.
Quanti, invece, nominerebbero un altro fattore centrale nella vita dei Millennials (e correlato con i due precedentemente menzionati), ossia il viaggio? Pochi. Eppure i ragazzi tra i 16 e i 34 anni rappresentano il 20% dei turisti mondiali, secondo i dati riportati dalle Nazioni Unite. 200 milioni di giovani in movimento, il cui modo di viaggiare è, peraltro, radicalmente diverso dal modello classico di vacanza. Spostarsi è diventato decisamente meno caro, più rapido e più facile di un tempo. Con un po’ di adattamento si riescono a trovare soluzioni low cost e in poche ore ci si può agevolmente, o quasi, trasferire da un emisfero all’altro. Così, frotte di giovani partono inseguendo il richiamo lanciato dalla parola magica “internazionalizzazione” per costruirsi all’estero un futuro grazie a lingue straniere e contatti e ridefiniscono il significato del viaggio. Tanti decidono di dedicarsi alla ricerca di sé e del proprio spazio, anche grazie alla rete e alla precarietà: via libera, dunque, a mesi di esplorazioni in località remote. Largo alla Backpack Generation – che nessuno definisce ancora così.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

lunedì 4 Marzo 2024