Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Quando il bisogno di nutrirsi diventa patologia

Quando il bisogno di nutrirsi diventa patologia

Sgattaiolare furtivamente in cucina per addentare della cioccolata: alle tentazioni si cede ma l’allarme scatta quando neanche la camicia di forza frena l’assunzione di un determinato alimento; la sazietà è secondaria, si cerca piuttosto l’effetto sedativo che si prova consumandolo.
Nel vocabolario delle cibarie si parla di Food craving e al banco degli imputati siedono la cioccolata per le donne e le bistecche per gli uomini. Il fenomeno, più rosa che azzurro, diminuisce con l’avanzare dell’età e ha una base neurologica. È il cervello che mobilita dopamina e oppioidi endogeni che sollecitano i circuiti cerebrali di Reward, deputati al piacere e situati nell’ipotalamo o nel sistema limbico. Una volta addentato l’alimento sognato, nel corpo divampa in una generale sensazione di benessere, per alcuni quasi orgasmica, che invita a ripetere l’azione. L’esito è la ricerca compulsiva di una sostanza chiamata cibo.
Dipendenza da droga, alcool e cibo, sembra che i confini si stiano facendo labili: il craving, infatti, precede il Food addiction caratterizzato da crisi d’astinenza e dall’aumento delle dosi del cibo desiderato per ottenere l’effetto benefico. Benvenuti nella triste era delle nuove dipendenze alimentari.

Da Armando Piccinini, Drogati di cibo: quando mangiare crea dipendenza, Giunti Editore, 2012.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

sabato 20 Luglio 2024