Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Giovani e volontariato: Luca Pangrazzi e la scala verso il Benin

In occasione di Trento Capitale del Volontariato 2024, abbiamo incontrato Luca Pangrazzi, classe 2000, attualmente studente di Architettura all’università IUAV di Venezia, che ci ha raccontato la sua esperienza presso l’onlus roveretana Atout African Arch fondata dall’architetto Barbara Borgini nel 2005.

Come ti sei avvicinato all’associazione? Sentivi un’attrazione per le problematiche del Continente Nero?

Era il 2019 e frequentavo ancora l’istituto ITET Fontana. Il professor Andrea Vinante propose un progetto di Alternanza Scuola-Lavoro che prevedeva un impegno di volontariato diretto ed attivo in centro Africa. Nonostante vivessi a Rovereto, non avevo mai sentito parlare di questa onlus, ma sicuramente prima o poi mi ci sarei avvicinato, perché la cultura africana mi affascina molto: un mondo così distante e allo stesso tempo così vicino. Atout si occupa proprio della promozione e della valorizzazione delle tradizioni, dell’identità e del territorio del Benin attraverso la salvaguardia del patrimonio artistico ed ambientale, che in anni di colonizzazioni si è in parte snaturato. L’architettura vernacolare e quella afro-brasiliana del XIX secolo, in particolare, hanno risentito del mancato sviluppo economico con il conseguente deperimento di edifici di pregio, spesso demoliti e sostituiti da costruzioni atipiche e avulse dal contesto storico-culturale.

Che cosa prevedeva concretamente il progetto e di cosa ti sei occupato?

L’esperienza si divideva in due parti: una prima fase di progettazione in aula e una seconda di realizzazione in loco di un dispensario medico per donne incinte che Barbara stava costruendo vicino alla città di Ouidah, definita la culla del voodoo, aspetto che mi intrigava molto. L’edificio prevedeva due sale degenza ed una operatoria. Noi ci siamo occupati della scala in ebano di accesso alla terrazza soprastante. Penso che proprio la possibilità di lavorare a contatto con gli abitanti del luogo e, di conseguenza, immergermi davvero nella loro cultura sia stato ciò che mi ha convinto a partecipare. Una volta arrivati, la nostra giornata tipo consisteva nello svegliarsi presto per raggiungere il cantiere, dove restavamo in zona scala dirigendo i lavori e contribuendo ad eseguirli. Era talmente intenso e stancante che la sera visitavamo la città ma rientravamo presto per riposare.

Come valuteresti la tua esperienza? Avendone la possibilità la ripeteresti?

Mi sono chiesto più volte se questo progetto abbia influito sulla mia scelta universitaria e sono giunto alla conclusione che vedere come lavora l’associazione mi abbia influenzato in modo positivo. Mi ha affascinato soprattutto la visita agli edifici realizzati da Barbara: vedere un’architettura diversa dalla nostra, i problemi e le sfide che si devono affrontare, l’impiego di materiali e maestranze differenti. Non è scontato svolgere un’esperienza come questa e la consiglierei a chiunque. In futuro mi piacerebbe tornare in Africa, ma in altre zone dove poter affrontare sfide diverse.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

domenica 26 Maggio 2024