Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Giovani e social, tra comunicazione e salute mentale

In pochi anni è cambiato tutto: molti bambini e ragazzi, per vedere i propri amici, non escono più, ma semplicemente chattano, oppure giocano online, vedendosi raramente di persona. È la nuova frontiera della socialità, quella che ha come necessità primaria la connessione a internet, senza la quale le distanze paiono irraggiungibili e le strade per la comunicazione impraticabili.

Anche nei paesi piccoli, dove uscire sulla strada con le biciclette e fare una passeggiata al parco è semplice, i ragazzi generalmente preferiscono utilizzare i cellulari, per mantenere i contatti tra di loro.

Possiamo davvero sostenere che i social hanno sostituito la presenza vera e propria delle persone nella nostra vita? Questo, infatti, è una riflessione che si estende non soltanto ai giovani, ma a tutte le età, dal momento che anche gli adulti utilizzano in maniera massiva i social network.

Gli esperti sostengono che esistono diversi pericoli connessi all’utilizzo indiscriminato dei social:

Il tempo: i dispositivi come cellulari, televisioni e pc riescono a catturare l’attenzione totale dell’utente e spesso passano diverse ore, prima di rendersi conto di quanto tempo sia stato effettivamente speso.
Quasi un adolescente su tre riferisce, inoltre, di utilizzare gli smartphone fino a mezzanotte o più tardi, e la maggior parte utilizza i social media proprio in quella fascia di tempo, diminuendo così le ore di sonno e causando dei danni importanti nell’equilibrio psico fisico.

Dipendenza: Nello studio “Dipendenze comportamentali nella Generazione Z” realizzato dal Dipartimento politiche antidroga della Presidenza del Consiglio dei ministri e il Centro nazionale dipendenze e doping dell’Istituto superiore di sanità Comunicato Stampa N°23/2023 Dal cibo ai social, quasi 2 milioni di adolescenti della ‘Generazione Z’ a rischio dipendenze comportamentali – ISS è emerso che il 2,5% del campione presenta caratteristiche compatibili con la presenza di una dipendenza dai social (circa 99.600 studenti), percentuale che nel genere femminile raggiunge il 3,1% nelle studentesse di 11-13 anni e sale al 5,1% nelle studentesse di 14-17 anni.
Gli studenti a rischio nella popolazione 11-13 anni hanno 10 volte in più di probabilità di avere una ansia sociale grave o molto grave e 5,5 volte in più di presentare un carattere di alta impulsività.

Immagine sfalsata: come si legge in un articolo del Sole24Ore Giovani e social media, quando il costo della bellezza può diventare pericoloso – ilSole24ORE “Basti pensare che la maggior parte dei giovani di età compresa tra i 10 e i 17 anni viene esposta a 5 contenuti su 10 che incoraggiano la perdita di peso e a 6 su 10 che mostrano corpi perfetti e irrealistici”.
Questi dati spiegano l’aumento dei problemi con il cibo. Il rischio di food addiction coinvolge 1.152.000 studenti circa tra gli 11 e i 17 anni, di cui più di 750.000 sono femmine (271.773 delle scuole medie e 485.413 delle superiori). il 13,1% (circa 523.000 studenti) presenta un rischio lieve; il 6,4% (circa 256.000 studenti) un rischio moderato; il 9,3% (più di 373.000 studenti) presenta un rischio grave.

Fake News: Come si fa a distinguere ciò che è vero da ciò che è falso, nell’era dei social, di Photoshop e dell’informazione manipolabile? Le fonti. Bisogna verificare le fonti e verificare che siano attendibili. Anche se non è facile, nell’era in cui anche il giornalismo talvolta cerca di mistificare i fatti poco graditi alla politica.

Quello che è certo è che non tutto è negativo. Accanto agli influencer che fanno sembrare che la vita sia sempre perfetta, c’è anche chi si batte per dare una dimensione reale ai social, per lanciare messaggi inclusivi e per fare informazione seria. L’importante è non fermarsi mai davanti alle apparenze, ma cercare di approfondire, scavare e non accontentarsi mai delle risposte troppo facili.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

mercoledì 17 Aprile 2024