Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Giovani e lavoro: i fratelli Augurio e il loro innovativo ristorante

 

Lo sfaff del Ristorante Augurio – Foto di Daniele Mosna

I tre fratelli Luca (Maitre), Mattia (Chef) e Samuele (Su-chef) hanno rispettivamente 34, 31 e 22 anni e si sono appena lanciati in un’avventura professionale: l’apertura del nuovo ristorante a Trento, in via dietro le mura, chiamato “Augurio”, proprio come il loro cognome. Ognuno proviene da esperienze differenti: Mattia e Samuele hanno studiato all’ alberghiero e dopo il diploma sono partiti in cerca di nuove esperienze, lavorando all’isola d’Elba ed in Sardegna, dove hanno acquisito numerose competenze portando con loro nuove ricette e nuove idee. Luca, invece, rimasto a Trento, per mantenersi gli studi si è inserito nel mondo della ristorazione lavorando come cameriere, appassionandosi sempre di più in quest’ambito lavorativo.

Ora i fratelli Augurio si sono riuniti con l’obiettivo di portare qualcosa di nuovo in città: una cucina che guarda oltre i confini regionali e nazionali, proponendo piatti internazionali, rispettando però e valorizzando sempre e comunque i prodotti locali.

«La nostra è una cucina che amiamo definire semplice ma non banale, e lo stesso vale per il nostro locale. Il nostro fine è quello di far vivere al cliente un’esperienza che va al di là dei piatti proposti, facendogli vivere una “serata a 360°”».

Al ristorante “Augurio” a pranzo si punta su un menù più semplice, con la possibilità per il cliente di usufruire, a prezzo fisso, di un pasto completo. La sera, invece – naturalmente prima delle recenti limitazioni dovute all’emergenza sanitaria, che permette comunque di continuare il servizio d’asporto – “l’asticella” si alza un po’, limitando il numero di prenotazioni nell’ottica di garantire il miglior servizio possibile all’utenza.

Scegliendo di raccontare la loro esperienza, abbiamo voluto chieder loro cosa significhi essere imprenditori al giorno d’oggi, soprattutto avendo aperto il locale in quest’anno così difficile e dai climi incerti: «Soprattutto in questo periodo ci vuole molto coraggio, dal momento che le difficoltà, sempre presenti, oggi sono maggiori. Come dico sempre a tutti, se prima un imprenditore navigava a vista, ora lo fa con la nebbia, il che rende tutto ancora più imprevedibile e incerto, anche alla luce delle molte responsabilità che bisogna prendersi».

Ad indorare la pillola delle molte difficoltà ci sono però le soddisfazioni che, man mano che il tempo passa, aumentano sempre più: le fatiche, infatti, vengono ricompensate dai risultati che i fratelli Augurio stanno ottenendo, con le recensioni positive ed i complimenti dei clienti a tutto lo staff – composto da otto giovani dipendenti, tutti con una gran voglia di mettersi in gioco –  che rappresentano una spinta per dare ogni giorno qualcosa di più e continuare a crescere.

Terminiamo la chiacchiera con una battuta sul mondo dei giovani, chiedendo ai tre fratelli quale consiglio si sentirebbero di dare ad un giovane imprenditore che volesse seguire le loro orme: «Non fatelo!», ci dicono sorridendo e dichiarando, con ironia, l’esatto opposto. Salutandoli, non ci resta che far loro il miglior AUGURIO per il futuro!

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

sabato 3 Dicembre 2022