Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Femminicidio linguistico

Femminicidio linguistico

Nessuno definirebbe mai Federica Pellegrini un nuotatore o Bianca Balti un modello, Maria un infermiere, Antonella un maestro ed Elisa un segretario. Invece con il Ministro Annamaria Cancellieri, il Magistrato Ilda Boccassini, l’Avvocato Giulia Bongiorno e il Rettore Daria De Pretis la musica cambia. Le donne in questione sembrano acquistare potere, importanza e prestigio solo grazie agli appellativi al maschile.

Per alcune cariche istituzionali o professioni, infatti, non si utilizza mai il femminile o, se lo si fa, sembra così forzato (e brutto) che si passa per analfabeti: sindaca, chirurga e ingegnera sono tre esempi.

Discriminazione linguistica? Se Paesi come la Svizzera stanno provando a sradicare questa tradizione androcentrica con studi e ricerche finalizzate all’inserimento nella lingua corrente del femminile laddove manchi, i sostenitori più accaniti del maschile che ingloba (o soffoca?) l’altro sesso sostengono che non sia giusto trasgredire le regole grammaticali solo perché negli ultimi anni alcuni ruoli sociali – di solito appannaggio del “sesso forte” – siano stati resi accessibili anche alle donne.

Cittadini e spettatori: nascondere la donna dietro (o dentro) il genere grammaticale maschile non è una questione linguistica ma un evidente stereotipo culturale. Spieghereste come mai una signora che cucina in contesti umili è una cuoca, ma se lo fa in location a tante stelle è uno chef?

Approfondimenti

I vostri commenti all'articolo

1
  1. GiuliaH

    Le lingue sono spesso sessiste, ma la lingua evolve, quindi, perché no? Perché non seguire l’esempio della Svizzera?

Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

domenica 26 Maggio 2024