Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

E tu come stai?

E tu come stai?

L’importante è la salute.

Sì, ma quale?

In questo momento così difficile a livello mondiale, vale la pena fermarsi a fare una profonda riflessione riguardo a cosa intendiamo con il termine salute. Ben lontani dalla pretesa di essere esaustivi, in poche righe proponiamo però degli spunti.

Iniziamo dagli anziani. Sono la fascia di popolazione più a rischio e forse per questo sono le persone che più sono state lasciate sole, di nuovo, non solo dalle istituzioni questa volta, ma anche dai propri cari, da chi col cuore avrebbe voluto stare loro vicino, ma con la testa sa quanto il contatto sia pericoloso di questi tempi. E ci si allontana.

Gli adolescenti. Loro non chiedono aiuto, ma portano sulle loro piccole spalle dei macigni e quando vengono schiacciati da questi, oramai è troppo tardi. I genitori si illudono che le tecnologie possano bastare per accorciare le distanze, eppure questo periodo ne è la prova: non è così.

I bambini. Come cresceranno i più piccolini che vedono le loro maestre fatte solo di occhi e mascherina? Senza naso e senza bocca, ma come si fa, a conoscere così qualcuno? A fidarsi? A giocarci, senza nemmeno sapere se è tutta la sua faccia che ride o sono solo gli occhi a fare una smorfia.

I lavoratori. Loro sono la categoria di persone più colpite. Non avere un lavoro, o rimanere chiusi con la propria attività, è un dramma sotto ogni punto di vista. Chi non lavora, non solo non riesce a vivere, a pagare le bollette e l’affitto, ma il punto è che non riesce nemmeno a dormire, o a sognare.

E a noi, che non crediamo nella seconda occasione migliore della prima, a noi poveracci dello spirito che è stata data solamente una vita, cosa ci rimane, se non la possibilità di sognare? Io non sono mai stata una viaggiatrice di serie A. Il lago a Baselga di Pinè è spesso la migliore delle mie mete, ma poterlo raggiungere, quando ne sento l’esigenza, è il mio viaggio. Togliere alle persone l’abitudine di pensarsi più grandi di ciò che si è, di pensarsi più lontani, più coraggiosi, o semplicemente diversi, dare alla gente sempre la stessa risposta “NO” fa morire. E questa epidemia non è meno grave perché non si vede.

Negli ultimi tempi pare che tutto si riduca ad un’unica dimensione: la disperazione. Non deve essere così. “Tell me baby, what’s your story?” Le risposte sono sempre uguali, con un comune denominatore, come se omettere il Covid fosse una grave forma di disobbedienza civile. Posto che nessuno minimizza la grave situazione mondiale, qui si ribadisce l’importanza di non abituarsi a qualcosa che non ci appartiene.

Si chiamano talvolta focolai, quando sono circoscritti. Rendono bene l’idea dell’incendio, quello che divampa a più riprese e ovunque da un anno a questa parte e dal quale ognuno pensa a salvarsi e a correre più veloce che può per scappare. E non si guarda cosa (o chi) stiamo lasciando indietro. In questa corsa sfrenata alle chiusure, ai tamponi, ai vaccini, alle protezioni, all’isolamento, ci siamo forse chiesti su quali basi stiamo costruendo il nostro futuro?

Basandoci sulla scienza, stiamo cercando di dare a tutti la possibilità di sopravvivere. Basandoci sull’economia, stiamo tornando alla legge della giungla, dove o mangi o sei mangiato. E la salute, dove sta?

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...
  • A volte basta un bagno per rinascere, per cancellare stress, ansia e preoccupazioni. Scarpe como ...
  • Far dialogare tra loro i diversi popoli, superando le diversità linguistiche, con l’ambizione ...
  • "So Farewell, Yellow Brick Road". Mani sui tasti del pianoforte a coda e via, pronto a suonare ...
  • Fake news, perchè ci caschiamo ancora? La risposta è semplice, è il nostro cervello ad "ingann ...
  • Per la nostra sezione Sport, vi proponiamo il focus dedicato ai 32esimi di finale di Coppa Italia ...

giovedì 29 Settembre 2022