Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Da qualche parte starò fermo a aspettare te: intervista alla scrittrice Lorenza Stroppa

 

Lorenza Stroppa lavora come editor in una casa editrice veneta. Da qualche parte starò fermo ad aspettare te è uscito per Mondadori a febbraio 2020 e noi abbiamo voluto intervistarla per scoprire qualcosa in più del suo libro, della sua passione per la scrittura e di come ha fatto a raggiungere una casa editrice così importante.

Come mai questo titolo?

Il titolo è un verso della raccolta poetica “Foglie d’erba” di Walt Withman. Quando l’ho letta ho sentito delle assonanze con la mia storia e ho pensato che quel verso in particolare, sebbene un po’ lungo per i canoni tradizionali dell’editoria, fosse perfetto.

Pubblicare per Mondadori deve essere una soddisfazione enorme. Come ci sei riuscita?

Sono approdata a Mondadori grazie alla mia agenzia, Donzellifietta, e in particolare al lavoro di due donne, Silvia e Stefania, che si sono prese cura della mia storia, l’hanno coccolata e accudita fin dai primi, claudicanti passi, e sono riuscite a offrirle una bella occasione per poter giungere al grande pubblico. Certo pubblicare con una major non è un gioco. Il lavoro di editing è stato importante, ho seguito i preziosi suggerimenti di Marilena Rossi, editor di Mondadori, con cui ho sentito subito una sintonia. È importante lavorare con persone con cui si condividono obiettivi, strategie e sensibilità. Quando accade, ed è piuttosto raro, il risultato ne giova sempre. La mia piccola storia è stata seguita e curata con attenzione e passione.

Di cosa tratta il tuo romanzo?

Il libro racconta la storia di Diego e Giulia, entrambi incastrati nelle loro solitudini. Diego, editor in una piccola casa editrice veneziana, che colleziona parole per dare un senso alla sua vita e Giulia, pittrice, che gioca con i colori e le sfumature delle emozioni, incapace di affrontare quelle più sommerse. Un giorno Giulia perde la sua agenda e Diego, per caso, la ritrova. Tra le sue pagine, scopre una curiosa To do list di cose da fare a Venezia che attirano la sua curiosità ed è così che, anziché ritornare l’agenda alla sua proprietaria, decide di conoscerla meglio spiando gli appuntamenti della sua lista. Da questo momento in poi si sviluppa uno strano inseguimento tra le calli e i campielli veneziani che a un certo punto prenderà una piega inaspettata…

Cosa desideri trasmettere ai lettori?

Scrivo per suscitare domande, non risposte, perciò spero che la mia storia non fornisca un messaggio, ma un’occasione per guardarsi dentro. Le domande che il lettore potrebbe porsi sono diverse, a seconda della sensibilità. Provo a formularne qualcuna che questa storia ha smosso in me: Che rapporto ho con il passato? Sono capace di perdonare me stessa? Sono in grado di affrontare le conseguenze della felicità?

Cosa rappresenta per te la scrittura?

La scrittura per me ha due facce. È “la stanza tutta per me” di Virginia Woolf, uno spazio in cui amplificare i miei dubbi e le mie paure, rielaborare le emozioni, dar corpo all’immaginazione ed entrare più profondamente in stessa; ed è anche un modo per mostrarmi agli altri, gettare in pasto ai lettori pezzi di me che solo per poco tempo mi sono appartenuti e ora pungolano, accarezzano, tormentano altre persone. Una volta pubblicato, un romanzo non appartiene più a chi lo scrive… Spero che “Da qualche parte starò fermo ad aspettare te” trovi ancora dei lettori in grado di sorridere, commuoversi e porsi le domande giuste per la propria vita.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

sabato 3 Dicembre 2022