Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Banda Biscotti e i dolci dal carcere

Tra gli stand della Fiera Fa’ la cosa giusta! Trento – svoltasi dal 21 al 23 ottobre – ci siamo imbattuti in uno stand che offriva assaggi di golosi biscotti. Incuriositi, ci siamo avvicinati, anche attratti dal nome Banda Biscotti, che ci ha subito ricordato la famosa Banda Bassotti, tra i personaggi del mondo a fumetti di Paperino.

Banda Biscotti, infatti, è un gioco di parole che vuole rimandare a quello che è l’obiettivo della realtà che presentava lo stand in fiera, nella sezione dedicata all’economia carceraria, ossia un laboratorio di pasticceria che si occupa dell’inserimento lavorativo di persone provenienti dalla casa circondariale della città di Verbania, sulla sponda piemontese del Lago Maggiore.

Abbiamo avuto l’occasione di fare qualche domanda ad Alice Brignone, responsabile del progetto. La giovane ci racconta che ha cominciato ad occuparsi di Banda Biscotti tra la fine del 2018 e l’inizio del 2019, quasi per caso, mentre cercava un’occupazione dopo essere rientrata nella sua città natale dalla Tanzania, dove stava partecipando a un progetto che promuoveva lo sviluppo sostenibile ed economico tra le comunità Masai.

Ma cos’è, nel concreto, Banda Biscotti? Si tratta di un laboratorio di produzione di pasticceria secca biologica di alta qualità” che utilizza materie prime provenienti da filiere virtuose, ingredienti di origine biologica certificata, scelti con cura e attenzione. “Qui vengono impiegate, a seconda dei periodi, dalle tre alle sei persone in condizioni di detenzione o istituzione penale esterna, ossia in detenzione domiciliare o in misura alternativa, come in affidamento ai servizi sociali” spiega Alice. Ci viene quindi spontaneo riflettere sulle difficoltà che può presentare un mestiere come questo, la giovane è molto chiara: “Giostrare la sostenibilità economica di quella che è a tutti gli effetti un’impresa sociale non è facile, come non lo è lavorare con persone che presentano fragilità. Chi lavora con noi non sempre conosce l’italiano, talvolta non è propriamente alfabetizzato, e non è comunque professionista del settore; pertanto, è spesso complesso riuscire a rispettare le tempistiche, rimanere sostenibili sul mercato e andare incontro agli ordini con puntualità”.

Si tratta di un lavoro “di grande artigianalità ma anche di grande cura” che offre anche molte soddisfazioni, tra cui “Vedere le persone che crescono, non solo dal punto di vista professionale, ma anche nell’ambito delle responsabilità”. Alice esprime poi un pensiero proveniente dalla squadra che lavora al progetto: “Secondo noi la cosa importante di questo lavoro è abituare, o meglio ri-abituare le persone alla quotidianità lavorativa, fatta di obiettivi da rispettare e responsabilità da prendersi, poiché queste cose in carcere non avvengono”.

L’ultima domanda per Alice riguarda l’importanza di partecipare a fiere come quella in cui ci siamo incontrate: “I momenti come questo per noi sono importantissimi, innanzitutto dal punto di vista economico, poiché sono un grande veicolo di vendite. Poi sono uno strumento fondamentale per raggiungere un ampio pubblico e raccontare quello che è il nostro progetto”.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

martedì 31 Gennaio 2023