Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Ansia: una nemica che si nasconde dietro a smartphone e social

L’ansia è sempre più diffusa: cellulari, stress quotidiano e continuo utilizzo dei social di certo influiscono parecchio. Abbiamo incontrato, per parlare di questa tematica, lo psicologo Nicola Gubert. Classe 1984, ha studiato Scienze e Tecniche della Psicologia Cognitiva Applicata, per poi laurearsi in Psicologia – percorso Neuroscienze – presso l’Università di Trento. Dopo un periodo di ricerca internazionale all’estero presso l’University of Miami sul tema dei predittori precoci dello sviluppo di patologie legate allo spettro autistico, ha ottenuto un Master in Mediazione Familiare. Esercita la libera professione di psicologo a Trento e per diversi anni si è occupato anche di Disturbi Specifici dell’Apprendimento in giovani e ragazzi; ad ora Giudice Onorario presso il Tribunale dei Minori di Trento.

 «Con il termine “Ansia” si tende ad indicare un complesso insieme di reazioni che si mettono in atto per difendersi da un evento o stimolo percepito come pericoloso o a cui ci riteniamo non abbastanza forti o adatti a poterne far fronte. Sebbene possa avere risvolti anche molto impattanti sulla vita quotidiana, l’ansia è una reazione del tutto normale a stimoli percepiti come di difficile gestione e l’attivazione dell’organismo che ne deriva è funzionale al poterli affrontare», ci spiega Gubert che prosegue: «L’ansia assume connotazione negativa solo qualora l’attivazione generata nel corpo sia eccessiva al punto da diventare inibitoria delle nostre capacità, portando, di fatto, ad un forte calo della performance, e quindi ad “auto-adempiere” la profezia di non essere in grado di gestire quell’evento».

In questo, indubbiamente, l’ormai diffusissimo utilizzo di smartphone e simili sta giocando un ruolo significativo, soprattutto quando è connesso ad un abuso di accessi alle piattaforme social. Il motivo risiede molto spesso in due elementi portanti, ci spiega lo psicologo: «La tirannia dell’attimo: ossia il bisogno ossessivo ed ansiogeno di essere sempre aggiornati o di aggiornare su quello che si sta facendo o stanno facendo i nostri “amici”. Quest’ abitudine costringe chi ne soffre a passare molto tempo sul telefono controllando le notifiche, aggiornando gli stati e, molto spesso, ciò assorbe attenzioni ed energie ad attività più produttive e soddisfacenti».

Un indizio? Quando abbiamo spento l’ultima volta lo smartphone? Tenerlo acceso durante la notte è una pessima abitudine che spesso porta a disturbi del sonno o ad un riposo non rigenerante, quindi costante stanchezza. L’altro elemento portante, ci dice Gubert, è il Continuo confronto: «Questa sovraesposizione ai social porta le persone ad un continuo e spesso inconscio confronto tra la propria situazione e quella delle persone che si seguono sulle piattaforme. Molto spesso vengono pubblicati e messi in evidenza solo gli eventi prettamente positivi e questo porta ad un costante confronto tra una felicità ostentata rispetto ad una condizione che non può essere composta di soli eventi felici. Questo, secondo diversi studi, porta a sviluppare senso di inadeguatezza, bassa autostima e costante bisogno di approvazione».

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

sabato 3 Dicembre 2022