Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Violenza contro le donne. Partiamo da noi

In questi giorni molto si è detto sulla violenza contro le donne. Su quella fisica, su quella emotiva. In ogni dove, siamo state dipinte come degli esseri molto sensibili, talmente delicati, a tratti fragili, da non avere la forza di delineare, in modo indelebile, un confine. Il confine tra il rispetto e la violenza verso noi stesse.
Anche io, per lungo tempo, ho pensato fosse così. Che l’uomo avesse tutte le potenzialità fisiche, mentali per soggiogarci. Quante volte abbiamo sentito dire o, ammettiamolo, abbiamo pensato anche noi: “Eh, però quella… avrebbe dovuto andarsene al primo ceffone preso”.
Ho come l’impressione che qualcosa di molto sottile ci sia sfuggito. Una fumosa frenesia aleggia nei tempi moderni, siamo nel bel mezzo di un uragano di informazioni, di movimenti politici, culturali, sociali: stiamo facendo i 140 all’ora e ci manca il fiato. Non riusciamo a scendere dal treno in corsa e ci incanaliamo in binari già tracciati, senza forza per capire se quelle strade siano sensate, quantomeno per noi.
Fermate tutto! Respiro profondo: fiuuuuu.
Va già meglio. Forse ci stiamo raccontando tante balle. Forse ci stiamo nascondendo all’ombra del nome “femminicidio” perché la nostra coscienza di belle persone possa apparire linda e inamidata? Perché, dai, ci pensiamo il 25 novembre, ricorrenza internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, ci riflettiamo quando al telegiornale ci dicono che un uomo ne ha uccisa una. Una di noi. Ci illudiamo che la violenza in questione sia quella dei gesti eclatanti.
E per il resto del tempo, che ne è dei nostri buoni propositi? Quando la nostra amica ci racconta di aver tradito il suo compagno, sappiamo accoglierla nella fragilità del momento, nel suo dolore, oppure ci viene spontaneo giudicarla, dirle che non doveva, che è stata incosciente, immatura e chi più ne ha, più ne metta? Quando, donne, abbiamo un desiderio profondo, un sogno da realizzare siamo capaci di compiere la nostra scelta libere dal giudizio dell’intera società? Se è la nostra compagna a confidarci quel desiderio, la supportiamo con tutti noi stessi o la invitiamo ad arrendersi?
Scendiamo da questo treno in corsa e guardiamoci negli occhi, profondamente. Far male a una donna può essere facile perché spesso lei stessa scivola negli stereotipi in cui è stata incasellata: non basta un lavoro di successo, la bellezza, non basta la laurea, il consenso; ci sono spazi di fragilità velenosi, come l’insicurezza, l’inadeguatezza, il bisogno famelico d’amore che restituisce un cuore sanguinante.
Partiamo da noi: le semplici domande sopra potrebbero essere un test e dalla risposta che ciascuno si dà, dipende anche il nostro vero agire nei confronti delle donne. Certo, un fiocchetto colorato di rosa può far parlare, ma la vera rivoluzione comincia quando decidiamo di assumere sempre quell’intenzione: guardando con amore e rispetto verso nostra moglie, compagna, madre, sorella, amica e, prima di tutto, verso noi stesse.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

mercoledì 1 Febbraio 2023