infinocchiare [in-fi-noc-chià-re]

da [finocchio]

infinocchiare [in-fi-noc-chià-re]

Il vino dell’osteria non era dei migliori. Anzi, certi giorni faceva proprio schifo. Buttarlo? Per carità. L’oste serviva prima del finocchio e l’infida verdura ne alterava il sapore. Era colpa sua se il vino “sembrava” acido.

Stessa cosa avveniva con le pietanze. Quelle a metà strada tra la morte e la putrefazione erano amabilmente ricotte e condite col finocchio. Prelibatesse!

I clienti mangiavano e bevevano, pance piene e gote paonazze uscivano dall’osteria puntualmente infinocchiate dall’oste, cassa piena e credenza vuota.

Oggi disonestà furbastra e ignobile per chi la trama e non lusinghiera per il tonto che ci casca.

UnderWord
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

venerdì 13 luglio 2018