Tutti mi chiamano Giorgio

Déjà Vu, il nuovo album di Moroder

2

Nel 1977, in quel di Berlino, Brian Eno è alle prese con la registrazione di Heroes. Un giorno entra in studio e dice a David Bowie: «I have heard the sound of the future». Un complimento non da poco per I Feel Love di Donna Summer. Dietro a quel successo c’è Giovanni Giorgio Moroder. Per tutti semplicemente Giorgio.
Molti anni prima dei vari David Guetta, Bob Sinclar, Calvin Harris e Avicii di turno, è quel ragazzo partito da Ortisei (Val Gardena, BZ) a regnare incontrastato sulla scena musicale. A dettare legge. Sempre al passo con i tempi. Produttore di hit da brivido, dj nei club e nei festival più esclusivi (per dire, Vivid Fest, Moogfest, Wireless Festival, Les Ardentes, Pacha Ibiza) e compositore di colonne sonore entrate nell’immaginario collettivo (su tutte, Scarface, Top Gun, Flashdance, American Gigolò, La storia infinita).

3

Lui, definito pioniere della dance elettronica e considerato un guru da generazioni di musicisti, dagli anni ’70 in poi colleziona collaborazioni con artisti di grido: Donna Summer (che porta al successo), Freddie Mercury, David Bowie, Elton John, Barbra Streisand, Nina Hagen, Cher, Miami Sound Machine… Ma l’elenco è esemplificativo. Ha all’attivo tre Oscar, quattro Grammy Awards, quattro Golden Globes, un posto nella Dance Music Hall of Fame (2004), una nomina a Commendatore della Repubblica Italiana (2005) e un World Soundtrack Lifetime Achievement Award (2011). Senza contare i cento dischi tra oro e platino.

4

Oggi il signor Moroder ha 75 anni e vive a Los Angeles. Ha fatto fortuna ed è un businessman a tutti gli effetti. Eppure, tra un impegno e l’altro, ha trovato il tempo di pubblicare un nuovo album (Déjà Vu) a distanza di trent’anni dall’ultimo.

Una buona occasione per rispolverare il proprio brand sfruttando il ritorno di popolarità 2.0. Complici i Daft Punk che nel 2003 hanno fatto carte false per averlo come collaboratore in Random Access Memories. Qui gli rendono omaggio con una traccia in cui Moroder stesso racconta i suoi inizi. Giusto per ricordare dove tutto è cominciato, se mai ce ne fosse stato bisogno.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Questo articolo ci è piaciuto davvero molto! Leggetelo anche voi! Non è #pessimismo, è #Scienz ...
  • Vivere assieme, senza pregiudizi, senza erigere mura. Queste le premesse per un'Europa davvero Un ...
  • Un nuova riflessione sull'Europa: #speranza e #opportunità per realizzarla pienamente. #UnioneE ...
  • Stufi della sala pesi o del solito corso di pilates? Magari il chessboxing farà per voi. #novit...
  • Da cosa è nata l'Unione Europea e quali sono gli auspici per il #futuro? Una riflessione scritta ...
  • Un racconto nato da un #viaggio fatto tanti anni fa da un nostro bravissimo autore. La storia di ...

venerdì 12 ottobre 2018