Ta’ziyè. Il dramma islamico

In Occidente siamo abituati a un teatro dove la linea di demarcazione tra finzione e realtà, tra palco e pubblico, è abbastanza netta. Tuttavia, esiste nella tradizione persiano-islamica un tipo di rappresentazione fortemente drammatica, fatta per coinvolgere la platea, come un rito religioso di gruppo. Si tratta del Ta‘ziyè (o Ta‘ziya), teatro sacro nato per ricordare il martirio dell’imam Hossein (nipote di Maometto) e l’eccidio di Kerbala (VII sec. d.C.), avvenuti per problemi dinastici dopo la morte del Profeta.

Sviluppatosi probabilmente a partire dal X secolo, il rito inizialmente si svolgeva in un qualsiasi luogo aperto mentre a cavallo fra Ottocento e Novecento comparvero i primi palchi (tekkiyè) per gli attori, dalla caratteristica forma tonda e aperta (non ci sono quinte). Questi servivano soprattutto come riconoscimento della scena, poiché gli oggetti e le scenografie erano quasi assenti: i personaggi si distinguevano per i costumi, i canti e le flagellazioni, e potevano essere presenti anche cavalli. Il pubblico, seduto per terra e colpito interiormente dal cordoglio funebre, poteva lamentarsi e piangere assieme agli attori, annullando qualsiasi differenza tra il recitato e il vero.

Nel 2003 il regista Abbas Kiarostami ha portato il Ta’ziyè per la prima volta in scena a Roma.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Parla di musica il nuovo articolo, ma anche di sogni, del ruolo della donna e di #pizzicasalentin ...
  • Realtà vs finzione nei libri: creare personaggi troppo basati sulle persone reali può avere anc ...
  • Il ruolo dello humor e della letteratura umoristica. Quello che c'è dietro la risata finale ce l ...
  • La critica tagliente, ironica e appassionata di una nuova autrice: «Boicotta la tassa, vinci il ...
  • Un'attuale riflessione ed un esempio reale di una convivenza pacifica tra culture differenti, e l ...
  • Un racconto di una parte di quotidianità contemporanea che purtroppo lascia l'amaro in bocca #na ...

martedì 23 luglio 2019