Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Da Mosca al Lago Baikal

5 mila Km in treno

Da Mosca al Lago Baikal

Mosca-Irkutsk, 5 mila km in treno sui binari che collegano i due estremi russi. Fuori notte fonda, ma in carrozza è sempre giorno. I vagoni s’inseguono in una luce continua che sveglia l’addormentato blu. “Tu tum, tu tum” è il ritmo costante che echeggia sulla via della ferrovia più lunga del mondo. Iniziata nello stesso istante ai due poli, la Transiberiana conta 9.288 km, circa 1.000 fermate, 7 fusi orari e impiega una settimana da Mosca a Vladivostok, e viceversa. A maggio del 1891 ebbe inizio la sua costruzione, operai coreani e cinesi da un lato, russi, ucraini – e qualche friulano esperto scalpellista – dall’altro. 90 mila i lavoratori che in quasi 30 anni hanno cucito la “fibbia ingioiellata dello Zar”, in un Paese dove le condizioni geo-climatiche giocano sovente contro ogni tentativo di costruzione.

Da Mosca al Lago Baikal, 4 giorni e mezzo in carrozza, qualche sosta per accogliere o salutare viaggiatori che assumono tratti più bronzei all’avvicinarsi di confini orientali. 5 mila Km dove il treno si fa spazio in un tunnel di betulle e pini che si tendono la mano senza fine. Attorno solo verde, dentro il colore del sali e scendi dipinge un treno che liquefà Oriente e Occidente, oltrepassando un confine senza mai incontrare frontiere.

ViaTerra

Viaggi
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

lunedì 4 Marzo 2024