Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Mr. Biro, dalle bocce alle penne

2

Già dimenticati calamaio e penna d’oca da molti anni, l’invenzione della Biro prepara al pensionamento l’americana stilografica classe 1883.

Ciò che tra le vie di Budapest nel giugno 1943 stimolò il brio inventivo del critico d’arte ungherese Laszlo Biro, fu una sfida a bocce di alcuni ragazzi e in particolare la scia di fanghiglia disegnata dalle palle finite nella pozze d’acqua presenti sulla strada.
L’ingegno di Laszlo diede forma a uno strumento piccolo in dimensione ma grande nelle prestazioni: la penna conteneva un nuovo tipo d’ inchiostro grasso che a contatto con l’aria manteneva inalterata la sua consistenza, qualità questa che fece della Biro il mezzo comunicativo preferito dai piloti degli aerei di caccia durante le trasferte in altitudine.
L’inchiostro, inserito in una cannuccia (serbatoio) fuoriusciva sul foglio grazie al tocco di una pallina in acciaio finemente levigata e posizionata nell’estremità “a cono”.
L’epilogo triste della storia arrivò poco dopo l’invenzione: emigrato in Argentina e in miseria, Biro decise di vendere il suo brevetto alla Parker che godette dei frutti dell’invenzione.

Fonte: G. Rivieccio, Enciclopedia cronologica delle scoperte e delle invenzioni, Manuali Rusconi, 1999.

UnderWord
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

venerdì 14 Giugno 2024