Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Un Giro d’Italia parecchio noioso

L’11 gennaio – quindi in tempi decisamente non sospetti – il mio articolo di presentazione del Giro d’Italia 2022 si concludeva con le seguenti parole: «Purtroppo, date le premesse, sembra che il fuoco e le fiamme saranno solo al Tour. La speranza resta sempre quella di sbagliarsi». Mi sono sbagliata? Non direi. Sono quattro le ragioni che confermano la mia ipotesi.

1. Per trovare “fuoco e fiamme” in questo Giro ci si dovrebbe munire di una lente d’ingrandimento e armare di santa, illuminata pazienza – ma probabilmente ancora non basterebbe. Consideriamo i corridori saliti sul podio: Jai Hindley (Bora-Hansgrohe), Richard Carapaz (Ineos Grenadiers) e Mikel Landa (Bahrain Victorious). Nessuno dei tre ha mai avuto il coraggio o le energie (o entrambe le cose) di attaccare da lontano, di provare a creare situazioni insidiose per gli avversari, in poche parole di dare spettacolo. Una noia incredibile, dove a farla da padrone sono le fughe di giornata o qualche raro, temerario corridore; vedi la splendida impresa in solitaria di Alessandro Covi (UAE Emirates), che ha saputo dare lustro alla tappa regina del Giro. L’unico vero attacco da parte dei big è arrivato all’alba della penultima tappa e, per quanto abbia sentenziato la vittoria di Hindley su Carapaz, non è servito a rianimare una competizione che da tre settimane non dava segni di vita.

2. A contribuire a questa piattezza, due ritiri importanti: Romain Bardet (Team DSM) e João Almeida (UAE Emirates); il primo per problemi di stomaco, il secondo per un tampone positivo. La loro presenza avrebbe potuto movimentare le acque e avrebbe reso la sfida Carapaz-Hindley più interessante, incentivandoli magari a qualche attacco e dando una scossa a quella noiosissima abitudine di correre in gruppo.

3. Il terzo motivo è dettato da un affetto personale nei confronti dei corridori Ineos e influenza quindi soggettivamente il giudizio sul Giro d’Italia, ma lo scrivo lo stesso: avrei preferito una vittoria di Carapaz. Non solo e non tanto perché una giornata no gli è costata tre settimane ininterrotte di leadership in rosa: è la dura legge del ciclismo, funziona così ed è già capitato tante volte (testimone il povero Primož Roglič al Tour de France 2020). Non solo e non tanto perché ha perso la maglia rosa alla vigilia del suo compleanno: la squadra che gli canta happy birthday cercando di consolarlo tutto sommato attutisce la tristezza. No, il vero motivo per cui avrei voluto la sua vittoria ha un nome e un cognome: Egan Bernal. Lo scorso gennaio, il campione in carica del Giro ha subito un grave incidente in allenamento che gli è quasi costato la vita, ha affrontato una complessa fase di riabilitazione e solo di recente è riuscito piano piano a tornare in sella. Veder trionfare il suo compagno sarebbe stato un bel colpo per il morale della squadra. Forza, Egan.

4. Questo è stato l’ultimo Giro d’Italia di Vincenzo Nibali. E quando un campione come Nibali si ritira, peraltro senza eredi all’orizzonte, lo spazio per l’entusiasmo si ridimensiona notevolmente.

Nonostante la monotonia, però, c’è un aspetto che fa sempre piacere sottolineare: il fair play (che, a differenza del calcio, almeno nel ciclismo pare esistere ancora). Carapaz ha perso la gara più importante della sua stagione alla penultima tappa, ma questo non gli ha impedito di complimentarsi e di stringere la mano all’avversario che lo ha sconfitto.

Sport
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

mercoledì 7 Dicembre 2022