Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Trionfo storico per i greci dell’Olympiacos in Conference League

La Finale di Conference League tra Olympiacos e Fiorentina è terminata con la prima storica vittoria europea per la squadra greca allenata da José Luis Mendilibar che già lo scorso anno vinse l’Europa League con il Siviglia.

El Kaabi, capocannoniere di questa competizione con 11 reti, ha segnato il gol vittoria allo scadere dei tempi supplementari che lascia un enorme rammarico nel cuore dei giocatori e dei tifosi viola. Questa è la terza finale persa negli ultimi due anni, la seconda consecutiva in Europa dopo il precedente contro il West Ham.

Vincenzo Italiano ha commentato l’esito finale ai microfoni di SkySport: “Si può anche non incidere per come si vorrebbe, però, penso che tutti abbiano dato quello che potevano dare. Non è quello che speravamo tutti, ci gira male. Non riusciamo a trovare quello spunto che abbiamo di solito. Invece gira così, mi dispiace. Tutti hanno cercato di fare il massimo. Hanno voglia di dimostrare i miei ragazzi, è una grande delusione. La seconda finale persa negli ultimi minuti fa male. Lasciare Firenze così? Perdere fa male. Arrivare in fondo per due anni è un grande merito. Bisognava alzare il trofeo, non ci siamo riusciti. Accettare le sconfitte è brutto, è così. Il cammino viene macchiato, dispiace vedere piangere i ragazzi. Ci credevamo. Il mio futuro? In questo momento anche io ho un cuore, sono uno che vive di emozioni. In questo momento sono troppo deluso, amareggiato e dispiaciuto. Ero il primo ad essere convinto di poter vincere. Abbiamo un’altra partita domenica, poi mi vedrò col presidente e vedremo”.

Quale sarà il futuro della squadra toscana e dell’allenatore sarà svelato solamente al termine di questa stagione infinita che si concluderà domenica 2 giugno dopo il recupero contro l’Atalanta del Gasp; al momento sembra che le strade si separeranno dopo tre anni di lavoro significativo a cui è mancato solamente il trofeo da alzare al cielo.

 

Sport
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

lunedì 24 Giugno 2024