Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Sull’anno ciclistico appena trascorso

Con il Giro di Lombardia vinto da Pogačar sabato 9 ottobre, si è sostanzialmente concluso il 2021 ciclistico. Una stagione caratterizzata innanzitutto dal tentativo di lasciarsi alle spalle un 2020 frastornato a causa del Covid, con sconvolgimenti del calendario (uno su tutti, il Giro d’Italia corso a ottobre e non a maggio) e strettissime misure (la famosa “bolla”) volte a contenere la diffusione del virus tra i corridori e il loro staff. E dal punto di vista agonistico com’è stato il 2021 per gli appassionati di ciclismo? Ecco cinque istantanee che ci permettono di farcene un’idea.

Parigi-Roubaix. A mani basse la corsa più avvincente dell’anno. Vedere le biciclette scivolare sulle pietre e sul fango, incerte e quasi senza equilibrio, è stato uno spettacolo logorante ed epico. Che a spuntarla alla fine sia stato un italiano (Sonny Colbrelli) viene quasi in secondo piano.

Cronometro olimpica maschile. Immaginate la scena: Primoz Roglič, in trance agonistica, non si rende conto di aver tagliato il traguardo, ma continua a pedalare indemoniato. Ecco. La prova di Roglič è stata uno degli atti di forza più netti della stagione. Ha divelto la concorrenza con rara spietatezza. E ha impiegato diversi minuti, dopo l’annuncio della vittoria, a rendersi conto di aver fatto un capolavoro.

Prova olimpica di inseguimento a squadre maschile. Una delle gare più emozionanti delle Olimpiadi di Tokyo. Nonostante il pronostico fosse sfavorevole (e fosse sfavorevole anche il modo in cui la corsa si era messa quando alla fine mancavano solo poche centinaia di metri), il quartetto italiano trainato da Filippo Ganna ha vinto l’oro, rimontando in maniera strepitosa la compagine danese proprio sul finale. Non si raccomanda la visione ai deboli di cuore.

Strade bianche. Forse non si riesce a comprendere quanto sia difficile guidare una bicicletta da strada su un tratto sterrato se non lo si è fatto almeno una volta: scivola da tutte le parti e sobbalza. Pare un cavallo imbizzarrito che voglia liberarsi di freno e cavaliere e fuggire via. Ecco, Mathieu van der Poel, talento smisurato e di singolare potenza, ha invece domato la corsa senese, volando sullo sterrato e imponendosi su un parterre di rivali di primissimo piano.

Ventesima tappa del Giro d’Italia. Damiano Caruso ha rappresentato il sogno rosa di tutti gli amanti delle grandi storie. Partito come gregario di ben due capitani, ha saputo ritagliarsi il proprio spazio tanto da terminare il Giro d’Italia in seconda posizione e, soprattutto, con una splendida vittoria al termine della penultima tappa. Rimane la consapevolezza di avere trovato (forse troppo tardi) un grande ciclista e (mai troppo presto) una grande persona, consapevole del significato profondo della fatica e del gregariato.

Sport
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

sabato 3 Dicembre 2022