Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Serie A, il focus della 33^giornata

Se qualcuno nutrisse ancora qualche dubbio sul fatto che l’Atalanta di Gasperini possa essere considerata una Real Big del campionato italiano, consigliamo di mettere a fuoco la classifica della Serie A al termine della 33esima giornata: secondo posto in solitaria per la Dea a +2 sul Napoli e +4 sulla Juventus. Se non è una sentenza poco ci manca.

Alla luce di ciò, il nostro consueto focus “UnderTrenta” è dedicato alla sonora vittoria dei nerazzurri ai danni del Bologna di Sinisa Mihailovic, travolto – senza colpo ferire – da un quasi tennistico 5-0.

Padroni di casa schierati con la consueta difesa a tre capitanata da Romero, mentre a centrocampo è da segnalare il rientro di Hateboer dopo mesi di assenza, in attacco il tandem, che suona come una sentenza, Muriel-Zapata.

Bologna mezzo rivoluzionato dalle assenze e, per l’occasione, “a tre” dietro con De Silvestri avanzato in mediana, in attacco la coppia Palacio-Barrow con alle spalle Soriano.

Paradossalmente sono gli ospiti a partire in quarta, regalando un primo quarto d’ora spumeggiante, scandito dalle occasioni nitide di Skov Olsen al 10′ e al 13′: strepitoso Gollini nella prima, impreciso il danese nella seconda. L’avvio frizzante è però solo un fuoco di paglia: giusto il tempo di prendere le misure agli avversari e l’Atalanta sale in cattedra e prende il pallino del gioco che, in poco tempo, diviene dominio assoluto.

Dopo qualche minuto di prove generali, con Zapata che sfiora il gol, il vantaggio arriva al 22′ con Malinovsky: ad ispirarlo è Muriel che, spalle alla porta, pesca con un’intuizione il compagno che, con un preciso diagonale, trafigge Skorupski. Neppure il tempo di mettere il pallone al centro che Muriel sfiora il raddoppio, cogliendo un clamoroso palo al 23′. La gara prende i connotati di un vero e proprio assalto alla porta ospite e, qualche minuto più tardi, è sempre Malinovsky a sfiorare il 2-0 con un tiro a giro fuori d’un soffio.

Con il Bologna all’angolo e schiacciato nella propria area le occasioni per gli uomini di Gasperini fioccano e, a due minuti dal termine del primo tempo, arriva il raddoppio: Romero viene atterrato in area da Danilo e dal dischetto si presenta Muriel che non sbaglia.

Il secondo tempo inizia senza sostituzioni ma con un episodio che mette il sigillo sulla gara: l’espulsione di Shouten dopo appena 4′ per un intervento durissimo su Romero. Da qui in poi è un monologo dell’Atalanta che, in due munti, dal 57′ al 59′, trova addirittura due reti – gran destro di Freuler nell’angolino e tiro di Zapata che si infila nel sette difeso da Skorupski – e chiude con largo anticipo la sfida.

Entrambi gli allenatori, con stati d’animo differenti, optano quindi per una girandola di cambi per “accompagnare” la gara alla sua conclusione. Nei padroni di casa dentro Pessina e Miranchuk per Muriel e Freuler. Nel Bologna Mbaye per Svanberg, Poli per Barrow e Orsolini per Skov Olsen.

Al poco più di un quarto d’ora dalla fine c’è gloria anche per Miranchuk che, dal limite, piazza un sinistro preciso nell’angolino basso alla destra dell’estremo difensore ospite. A qualche istante dalla fine è Djimsiti a rischiare di trasformare in un set tennistico la gara: a negargli questa gioia è un intervento sulla linea di Danilo.

Il triplice fischio dell’arbitro Fabbri arriva, intelligentemente, al 90′ esatto, mettendo fine alle sofferenze del Bologna e consegnando invece all’Atalanta un secondo posto che consacra quanto di buono fatto finora in stagione. E mancano ancora cinque giornate alla conclusione del campionato.

Sport
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...
  • A volte basta un bagno per rinascere, per cancellare stress, ansia e preoccupazioni. Scarpe como ...
  • Far dialogare tra loro i diversi popoli, superando le diversità linguistiche, con l’ambizione ...
  • "So Farewell, Yellow Brick Road". Mani sui tasti del pianoforte a coda e via, pronto a suonare ...
  • Fake news, perchè ci caschiamo ancora? La risposta è semplice, è il nostro cervello ad "ingann ...
  • Per la nostra sezione Sport, vi proponiamo il focus dedicato ai 32esimi di finale di Coppa Italia ...

giovedì 29 Settembre 2022