Serie A, il Focus della 22^ giornata

Match dalle sfumature a stelle e strisce al Picco di La Spezia. La gara tra i liguri ed il Milan cade infatti al termine della settimana che ha visto la fumata bianca per l’acquisizione della società spezzina da parte di Robert Platek, noto finanziere americano innamorato delle cinque terre e già proprietario di due club europei: il Sonderjyske in Danimarca e il Casa Pia in Portogallo. A tirare le fila, sponda rossonera, é la Elliot Management Corporation, società statunitense di gestione degli investimenti.

Tornando a respirare “aria di mare”, ed il profumo del rettangolo verde, nella prima frazione di gioco sono i liguri a fare la partita, con gli uomini di Pioli assenti ingiustificati e in perenne balia delle scorribande avversarie nei pressi di Donnarumma, che ha il merito – dopo un quarto d’ora di gioco –  di salvare il risultato con un intervento miracoloso su Saponara. Ancora i liguri pericolosi sul finire della prima frazione di gioco con Nahuel Estevez che, dopo una splendida azione corale, non riesce a finalizzare.

Nella ripresa il copione non cambia, Spezia sempre più in palla e Milan rintanato negli ultimi venticinque metri e incapace di ripartire. A sfruttare la situazione è sempre Saponara che si rende pericoloso con una conclusione respinta dalla difesa ospite. Un indizio è un indizio, due indizi sono una coincidenza, tre indizi fanno una prova. Detto fatto: dopo una splendida azione corale è Migliore a battere Donnarumma e sbloccare il risultato in favore dei padroni di casa.

Ed è qui che ci si aspetterebbe la reazione degli uomini di Pioli. Aspettative tradite. Nemmeno dopo l’ingresso in campo di Mandzukic, Meité e Tomori la musica cambia e la seconda doccia fredda  arriva al 67′ sugli sviluppi di un calcio di punizione: tocco di Estevez per Bastoni che trafigge Donnarumma e chiude di fatto la gara con più di venti minuti di anticipo, vista e considerata la serata da incubo rossonera.

Se non c’erano dubbi che al 90′ la a festeggiare sarebbe stato un club “a stelle e strisce”, in pochi si sarebbero aspettati che l’ago della bilancia virasse dritto a ponente, direzione mare. Spezia in cielo, diavolo rimandato.

 

Sport
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Oggi raccontiamo lo "Strike" di Nicolle Boroni, 28 anni, che racconta di sé per parlare a tutti ...
  • È in libreria “UnderTrenta 2020. Souvenir di un anno x”, venerdì 19 febbraio alle ore 18:00 ...
  • Una chiacchierata con la giovane scrittrice trentina Alice Presa, in arte Alice Wood, che che ci ...
  • Cosa c’è di più interessante, di più vero, di più vivo della realtà? In ogni suo film Clin ...
  • Così, tra peccatori e vizi smart, non ci resta che aspettare, pazienti, di uscire finalmente a r ...
  • Intervista a Chiara Orempuller, giovane di Trento che ha scelto di raccontare con un documentario ...

giovedì 25 Febbraio 2021