Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Ok Tadej Pogačar, ma vogliamo parlare di Geraint Thomas?

Abbiamo ancora davanti agli occhi il finale della terza tappa del Giro d’Italia 2024, la frazione Novara-Fossano, corsa ieri pomeriggio. Sfruttando uno strappetto di qualche centinaia di metri posto a circa quattro chilometri dal traguardo, Tadej Pogačar e Geraint Thomas hanno provato a sorprendere il gruppo con un attacco congiunto, seppur non premeditato. Vedere questi due campioni di età così diversa (25 lo sloveno, quasi 38 l’inglese) aprire il gas per una tappa dall’esito sostanzialmente scontato e difficilmente rovesciabile, ma crederci comunque fino in fondo, ha provocato quasi un moto di commozione. Se il ciclismo sta conoscendo un momento di grazia (che si traduce anche in maggiori attenzioni mediatiche e via dicendo) è grazie a fenomeni del genere. Che non sono fenomeni solo perché e quando vincono, ma anche e soprattutto perché capaci di fare cose di questo tipo.

Va bene Tadej Pogačar: che fosse un alieno lo sapevamo tutti. Ma vogliamo parlare di Geraint Thomas? Quando lo sloveno ha attaccato sulla salita verso Oropa durante la seconda tappa, lui è stato uno dei più pimpanti e reattivi al suo inseguimento. Della tappa di ieri abbiamo già detto. È il secondo Giro d’Italia consecutivo a cui il britannico partecipa. Lo scorso anno era arrivato alle spalle del vincitore – un altro sloveno, Primož Roglič – dopo una lunghissima ed estenuante partita a scacchi: nessuno dei due aveva mai attaccato l’altro veramente, e difatti il distacco finale era stato davvero contenuto. Ora, con la follia agonistica di Pogačar al potere, Thomas ha dovuto cambiare il proprio modo di correre. Mai lo avremmo visto (e mai, in effetti, lo abbiamo visto) attaccare in una tappa con l’arrivo in volata.

Non sappiamo quanto ancora durerà la carriera di Geraint Thomas. La carta d’identità dice 38 anni a fine maggio e a quest’età la maggior parte dei ciclisti appende bicicletta e scarpini al chiodo. Ma per l’inglese il discorso è particolare, dal momento che è esploso ciclisticamente solo da una manciata di anni. Sembra addirittura più in forma dello scorso anno, per cui il ritiro appare distante. Chissà, potrebbe fare come Alejandro Valverde, che si è ritirato a 42 anni ma che sta continuando a correre (con eccellenti risultati) nel gravel. Quel che è certo è che finché Thomas continuerà a divertirsi non penserà certamente a ritirarsi. Intanto, sono passate appena tre tappe dall’inizio del Giro 2024 e pare proprio che si stia divertendo un sacco.

Sport
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

domenica 26 Maggio 2024