Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

L’atleta del mese – Valentino Rossi, un’elegia

Non seguo più il motociclismo da alcuni anni. Per essere più precisi, non lo seguo più da quando s’è imposto il netto dominio spagnolo che continua grosso modo tuttora. Non è questione di campanilismo, ma di emozione e – seppur vero, è brutto da dire – di intrattenimento. Non provo per la nuova generazione di forti motociclisti lo stesso trasporto che ho provato per quella vecchia. Cioè quella di Valentino Rossi, per intendersi. C’è poco da fare: Quartararo, Mir e Miller non catturano quanto Rossi, Marquez e Stoner. Perché? Perché ai primi mancano i secondi, e gli stessi secondi sarebbero stati poca cosa senza il numero 46.

Chi è nato negli anni Novanta ha potuto godere nella sua adolescenza dell’onnipotente funambolismo di Valentino Rossi. In sella alla moto ha compiuto miracoli, scardinando gli avversari. Ha perfino attraversato i confini, imponendosi a livello internazionale, non tanto (o non solo) per il suo modo di intendere il motociclismo, ma per il suo modo di intendere la vita. Per il suo sorriso sornione e lucido che gli permetteva di essere irresistibile fuori dalla pista, mentre in pista invincibile e soprattutto spericolato al limite dell’incoscienza, come un surfista sulla cresta dell’onda.

Se volessimo trovare una definizione che ne racchiuda l’essenza, credo che si potrebbe dire proprio così: Valentino Rossi è stato un equilibrista sulla cresta dell’onda. Aggiungerei anche l’aggettivo naturale: un equilibrista naturale. Sì, perché il suo equilibrio non è mai stato incerto, nervoso, con continui aggiustamenti traballanti come si vede fare nel circo. Valentino Rossi è stato un tutt’uno con la sua motocicletta. Per questo sarebbe riduttivo affermare che il motociclismo sia stato il suo sport. Noi non diciamo che respirare sia il nostro sport. È un atto spontaneo, vitale, inscritto nel nostro DNA. Ecco, Valentino ha piegato a 200 chilometri orari in curva per vent’anni con la stessa placida e quasi noncurante naturalezza con cui noi respiriamo. E quella placida e quasi noncurante naturalezza ha poi informato anche il suo modo d’essere con i giornalisti, nei box, nella quotidianità.

Il 14 novembre ha deciso di scendere in pista per l’ultima volta. Capita a tutti, anche ai campionissimi. Prima o poi tocca anche a loro fare i conti con il corpo o con la testa o con il cuore. E non tutti accettano facilmente il risultato: Schumacher e Michael Jordan, per esempio, non ce l’hanno fatta. Ciò che rende diverso Valentino Rossi dagli altri due campioni appena citati è il rapporto con lo sport che hanno praticato: non è stata la moto a rendere grande Valentino Rossi, quanto piuttosto il contrario. E credo che questa consapevolezza abbia reso più dolce l’idea del ritiro.

Il quinto appuntamento con la rubrica dedicata agli atleti e alle atlete che hanno segnato lo sport non poteva che essere dedicato a lui. Atleta del mese, atleta dell’anno, atleta del secolo.

Sport
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

sabato 3 Dicembre 2022