Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

L’atleta del mese – Sara Simeoni, oltre la vittoria

I Giochi della XXII Olimpiade, cioè le Olimpiadi di Mosca del 1980, meriterebbero un articolo e una lunga riflessione a sé stante. Basti pensare che questi Giochi si tengono in piena Guerra Fredda e immediatamente dopo l’invasione sovietica dell’Afghanistan, stato “amico” degli USA. Gesto che ha una forte conseguenza proprio sulle Olimpiadi: gli States decidono di non parteciparvi, boicottandole e costringendo di fatto tutti i propri alleati a fare altrettanto. Sono oltre 60 le nazioni che accettano di non partecipare ai Giochi. Altre, tra cui l’Italia, la Francia e la Gran Bretagna, decidono comunque di farlo, ma facendo gareggiare i propri atleti sotto bandiera “neutra” (cioè quella del Comitato Olimpico Internazionale).

Per l’Italia e gli italiani, Mosca 1980 è ricordata però anche per le storiche medaglie d’oro di Pietro Mennea e Sara Simeoni. Storiche sia sportivamente parlando sia per il contesto in cui sono state conquistate. Il quarto appuntamento della rubrica dedicata agli atleti e alle atlete che hanno lasciato un segno indelebile nella storia dello sport è dedicato proprio a Sara Simeoni, vincitrice – nel corso dell’intera carriera – di ben dieci medaglie d’oro, quattro d’argento e quattro di bronzo nel salto in alto.

Per capire la grandezza di Sara Simeoni basta un numero: 2.01. Due metri e un centimetro è la misura che fa registrare ai Campionati europei di Praga del 1978, in occasione di una gara che le vale naturalmente l’oro, ma anche il record del mondo: nessuna atleta al mondo era mai riuscita a saltare così in alto. Perchè 2.01 suona tanto clamoroso se il record attuale nel salto in alto femminile è di otto centimetri più alto? Per tre motivi. Primo, perché Sara Simeoni è la prima donna a saltare sopra i due metri, e lo fa proprio in quel 1978. Secondo, perché detiene quel record per quattro anni (nel senso che per quattro anni nessun’altra donna riesce a saltare oltre i due metri). Terzo, perché 2.01 è anche il record italiano, che resiste addirittura per quasi trentasette anni (lo migliora Antonietta Di Martino nel 2007, portandolo a 2.03).

La storia è piena di campioni e di campionesse il cui nome – a causa dello scarso appeal odierno dello sport che hanno praticato – non ha la fama che meriterebbe. Nonostante ciò, il nome di Sara Simeoni non va dimenticato. Non solo per i meriti sportivi, ma anche perché ha contribuito – con i suoi successi e i suoi record – a dare visibilità a una disciplina sicuramente meno rinomata rispetto ad altre e, soprattutto, a un’intera categoria (cioè quella delle atlete) fino a quel momento non sufficientemente considerate, specie rispetto alla controparte maschile. Insomma, Sara Simeoni è diventata un modello, e non solo per chi ha praticato o pratica il salto in alto. E questo è un record che nessuno potrà mai toglierle.

Sport
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

sabato 3 Dicembre 2022