Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

La Serie A non è il campionato che meritiamo

Negli ultimi giorni ho visto diverse partite di calcio: da Torino-Inter e Lazio-Venezia del campionato italiano a Manchester United-Atletico Madrid e Juventus-Villareal di Champions League. Mi si è aperto un mondo. Non me ne vogliano le squadre che militano nei campionati minori, ma passare dalla Serie A alla Champions League è stato come assistere a una partita di Eccellenza e subito dopo a una di Serie A. Stesso salto qualitativo, stesse enormi differenze. Differenze che, tra l’altro, sono il motivo a causa del quale da ormai più di un decennio le squadre italiane fanno (nove volte su dieci) figure deplorevoli quando non imbarazzanti nelle competizioni europee. Ma di che differenze stiamo parlando? Di due tipi di differenze, che poi sono in realtà l’una conseguenza dell’altra e viceversa.

I calciatori che militano nelle squadre estere, specie in quelle inglesi, hanno una preparazione atletica migliore dei calciatori di Serie A. Lo si nota dall’intensità con cui certe partite vengono giocate in Champions, intensità alla quale le squadre italiane non sono abituate e a cui non riescono ad adeguarsi per più di un tempo. Ricordo come uno dei momenti più folgoranti della mia ormai discreta carriera come spettatore calcistico il primo tempo di Liverpool-Roma, andata della semifinale di Champions del 2018 (partita poi terminata 5 a 2 per i Reds). Ricordo un’intensità, una velocità di pensiero e di esecuzione, una mole di gioco creato dai padroni di casa che il risultato al termine della prima frazione (2 a 0) era sembrato fin troppo stretto.

L’altra grossa differenza tra il campionato italiano e i vari campionati esteri – anche in questo caso si segnala quello inglese, ma il discorso vale un po’ dappertutto – riguarda l’arbitraggio. Prendiamo Torino-Inter. Sorvolando sulla pietra dello scandalo (il rigore solare negato al Torino), quante volte l’arbitro Guida ha fischiato falli leggeri e veniali, nulla più che normali contrasti, spezzettando così il gioco e nuocendo allo spettacolo e a trame e schemi delle due squadre? Sono pronto a mettere la mano sul fuoco e ad affermare che in Champions League il 70% di quei falli non sarebbe stato fischiato. Del resto, gli stessi arbitri italiani, quando arbitrano partite in campo europeo, si adeguano ad altri (e alti) standard: fischiano meno, lasciano più spesso correre e il gioco ne giova.

Ecco, questo spiega il perché le squadre italiane vengano prese a pallonate in Europa. Semplicemente perché non sono abituate a giocare nel “modo europeo”. Se durante un partita di Serie A il gioco viene continuamente interrotto a causa dei fischi arbitrali, ai calciatori mancherà necessariamente intensità, velocità, resistenza: il loro fisico si è abituato a giocare per pochissimi minuti alla volta. Non è questione di allenatori più bravi o calciatori più portati. Negli altri campionati corrono di più perché gli arbitri fischiano di meno, perché manca la “cultura del falletto” italiana. Ci si potrebbe addentrare nel discorso che riguarda la sportività, ma credo che nemmeno questo spiegherebbe del tutto la “cultura del falletto”. Se arbitri e calciatori dei campionati italiani non cambieranno il loro modo di arbitrare e di giocare, i risultati in Europa continueranno a mancare. Una semifinale di Champions League e un paio di quarti di finale negli ultimi cinque anni sono troppo poco per un campionato (che dovrebbe essere) di primo piano come la Serie A.

Sport
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

sabato 3 Dicembre 2022