Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

La regular season è finita, lunga vita alla regular season

No, la regular season della NBA non sarà mai divertente e combattuta come le partite dei playoff. Ma è un dato di fatto che quest’anno, soprattutto a Ovest, le squadre ci hanno messo parecchio impegno per rendere la stagione regolare un po’ più intrigante del solito, con parecchie posizioni ancora in bilico alla vigilia dell’ultima giornata. Ora arrivano i playoff, e quindi è il momento di alcune considerazioni generiche sulle squadre che potrebbero partecipare a questa fase del campionato.

Innanzitutto, perché il condizionale? Il condizionale è d’obbligo, dal momento che le squadre non sono ancora sedici, ma venti. Le squadre che si sono classificate tra il settimo e il decimo posto di entrambe le Conference parteciperanno infatti a un torneo preliminare – il play-in – che eliminerà in maniera definitiva due delle quattro squadre di Est che vi parteciperanno e due delle quattro di Ovest. Al termine di questa settimana avremo raggiunto il fatidico numero di sedici: otto per la Western Conference e otto per la Eastern Conference.

Chi sono le squadre che partecipano ai play-in? A Ovest ci sono nomi grossi, perché riguardano Los Angeles Lakers e Golden State Warriors, due delle franchigie più vincenti e rinomate della storia NBA, anche grazie alle stelle (LeBron James e Steph Curry su tutte) che difendono quei colori. A Est la situazione è più intricata perché, al di là della favorita (i Philadelphia 76ers), le altre tre squadre – Hawks, Heat e Bulls – sono più o meno sullo stesso livello. Ma non è questo il luogo per fare pronostici.

Delle squadre che sono accedute direttamente ai playoff, le sorprese maggiori vengono ancora una volta da Ovest. Al primo posto i giovanissimi Oklahoma City Thunder, in grado di soffiare la posizione ai Denver Nuggets campioni in carica. Abbastanza sorprendente anche la stagione di Minnesota, arrivata terza grazie al talento cristallino e agonista di Anthony Edwards. Sarà una bella rogna per tutti gli avversari. 

A Est la stagione è stata meno competitiva. I Boston Celtics hanno passeggiato, guadagnando la prima posizione della Conference in scioltezza. Per capire il divario di competitività tra le due Conference, basti pensare che tra i Celtics primi e i New York Knicks secondi ci sono ben 14 vittorie di differenza (64 a 50). A Ovest, 14 vittorie di differenza non si trovano nemmeno tra i Thunder primi e gli Warriors decimi (ce ne sono undici, 57 a 46). Se quindi Boston non sorprende, lo fanno proprio i Knicks secondi e soprattutto gli Orlando Magic quinti (dopo che erano arrivati terzultimi e ultimi nelle passate due stagioni). 

La posizione finale di classifica dice che sono terzi, ma per quanto si è visto in campo e per le potenzialità della squadra c’è qualcosa che non va. Stiamo parlando dei Milwaukee Bucks delle stelle Giannis Antetokounmpo e di Damian Lillard. I due all-star non hanno mai convinto né per quanto riguarda le prestazioni personali né per la loro chimica. Difficile riescano a trovare una quadratura del cerchio proprio in questo momento, ma mai scommettere contro la tempra di un campione.

Sport
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

domenica 26 Maggio 2024