Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

I Golden State Warriors sono campioni NBA

20 marzo 2020. Gli Warriors chiudono la stagione regolare con appena 15 vittorie su 65 partite giocate. Una chiusura oltremodo anticipata per una franchigia che ha raggiunto le Finals NBA nei cinque anni precedenti e che quindi è abituata a giocare almeno fino a giugno. Sembra la fine di una dinastia che ha dominato per anni e in maniera luminosissima, ma che non è stata in grado di rinnovarsi, vittima anche di infortuni gravissimi, come quello di Klay Thompson, seconda stella della squadra, che durante Gara-6 delle Finals del 2019 si rompe il legamento crociato del ginocchio sinistro. È finito un ciclo, affermano tutti i commentatori con quel malcelato e risentito godimento che si prova nei confronti di chi ha vinto a lungo.

16 giugno 2022. Gli Warriors vincono Gara-6 delle Finals contro i Boston Celtics e si laureano campioni NBA per la quarta volta negli ultimi otto anni. Altro che dinastia incapace di rinnovarsi, altro che ciclo terminato. Quella di Golden State è una vittoria che sa di rivalsa, il punto esclamativo su una regular season non sempre brillante, ma che è servita come rodaggio per una macchina che ha alzato i giri del proprio motore nel momento opportuno. Merito della pianificazione e dello “strength in numbers” – motto degli Warriors -, cioè di un sistema di gioco che esalta i singoli (soprattutto quelli che non compaiono sulle prime pagine o in copertina) e li rende pedine fondamentali dentro e fuori dal campo.

Merito anche, naturalmente, delle sue stelle. Di Steph Curry su tutte, vincitore dell’MVP delle Finals, l’unico trofeo che mancava nella sua straordinaria bacheca. Bisognerebbe dedicare libri interi a questo giocatore unico e a come ha cambiato il gioco della pallacanestro negli ultimi dieci anni. Come amano dire Oltreoceano, “we are all witnesses”, siamo tutti testimoni di un momento apicale nella storia di questo sport, uno di quei momenti che capitano raramente: Jordan negli anni Novanta, Kobe Bryant all’inizio degli anni Duemila, LeBron e Curry (e il sistema-Warriors) negli ultimi dieci anni.

We are all witnesses. Abbiamo assistito a uno spettacolo bellissimo tra Warriors e Celtics, a una serie combattuta, mai scontata, la migliore che l’NBA potesse offrire. Attacchi letali, difese asfissianti, giocate da cinema da una parte e dall’altra del parquet. Ha vinto l’esperienza di Golden State, la sua fame e la voglia di dimostrare che, nonostante tutto, questa squadra rimane una delle migliori di sempre. E il futuro? Che cosa faranno gli Warriors domani? Sapranno replicare? Tutto a tempo debito. Per ora godiamoci – tifosi e non – questo momento: siamo tutti testimoni della Storia nel suo svolgimento.

Sport
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

mercoledì 7 Dicembre 2022