Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Festival dello Sport: Panatta, Bertolucci e Barazzutti, una squadra (dal vivo)

Sabato sera, appena la squadra d’oro del tennis italiano sale sul palco dell’Auditorium di Trento, la platea si scalda e il clima diventa immediatamente goliardico. Era l’anno 1976 quando Corrado Barazzutti, numero 7 al mondo, Paolo Bertolucci, “braccio d’oro” numero 12, e Adriano Panatta, il capitano e numero 4, insieme all’assente Antonio Zugarelli conquistavano lo storico titolo di campioni di Coppa Davis, un unicum per l’Italia.

“Presi singolarmente erano dei grandi tennisti ma come squadra erano straordinari”, commenta Sandro Veronesi, sceneggiatore della docuserie Sky Una squadra, che racconta l’impresa anche con lo scopo di risarcire questi fenomeni per la mancata celebrazione delle loro gesta, dovuta al clima politico dell’epoca. “In quel periodo nel nostro Paese c’era una vera e propria sollevazione popolare e la nostra partenza per il Cile di Pinochet non era vista di buon’occhio. La notte ricevevo telefonate minatorie e quando è giunto il momento di partire sono stato scortato all’aeroporto dalle forze dell’ordine. Avevo 23 anni e ricordo che la situazione mi sembrava veramente assurda”, racconta Barazzutti.

Panatta aggiunge: “Alla vigilia della partenza per Santiago vi era un immobilismo decisionale sia da parte del Coni che del governo Andreotti. Alla fine ci lasciarono andare dopo che il Partito Comunista cileno aveva fatto pressioni su quello italiano: l’obiettivo era evitare a tutti i costi che il Cile di Pinochet vincesse la Coppa Davis”.

Nonostante la forte competizione interna – “Non avremmo mai gioito delle vittorie altrui ma in quel campionato tifavamo gli uni per gli altri”, ricorda Panatta – giocarono insieme ben quattro tornei, dei quali vinsero però solo il primo.

Tra una frecciatina amichevole e una presa in giro bonaria, come solo dei vecchi amici possono permettersi, rivelano inoltre che, guardando le interviste raccolte nella serie, hanno scoperto quanto profondo e sincero sia l’affetto che nutrono reciprocamente. “Paolo (Bertolucci) ha detto che sono il fratello che non ha mai avuto e mi ha fatto davvero un gran piacere”, confessa orgoglioso e un po’ imbarazzato Panatta.

Sul doppio appena giocato da Federer e Nadal contro gli statunitensi Sock e Tiafoe e che ha suggellato il ritiro del campione svizzero dai campi da tennis il loro giudizio è invece inflessibile: “Ho trovato così di cattivo gusto, volgare e villano il modo in cui questi due ragazzini americani tiravano la palla con tutta la loro forza in faccia a Federer e a Nadal. Lo fanno perché non sanno fare altro: quello non è tennis, è una mancanza di rispetto nei confronti di due campioni assoluti”, afferma Panatta senza mezzi termini. E Bertolucci aggiunge: “Puoi vincere ma non in quel modo: dovresti capire il momento, la portata dell’evento e soprattutto la fortuna che hai a potervi partecipare”.

In chiusura di serata non poteva poi mancare un pensiero agli imminenti quarti di finale italiani alla nuova Coppa Davis: “Forse quest’anno non ce la faremo ma tra due o tre anni abbiamo delle serie possibilità di vittoria. Se non ora che abbiamo questi nuovi talenti, non sapremmo proprio dire quando”.

Sport
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

sabato 2 Marzo 2024