Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Festival dello Sport: la visione dell’arrampicata di Wafaa Amer

Per Wafaa Amer, una delle più forti climber del momento e ospite della prima giornata del Festival dello Sport di Trento, l’avventura nel mondo dell’arrampicata comincia grazie a un corso scolastico e alla generosità della famiglia di un’amica. Nata in Egitto e trasferitasi in Italia all’età di nove anni, Wafaa scopre questa grande passione quasi per caso e, soprattutto, scappando di casa e allenandosi di nascosto dal padre. A causa del forte influsso della religione d’origine, il genitore non approva per la figlia scelte troppo “occidentali” e saprà delle numerose medaglie vinte solo anni dopo.

Intervistata dal giornalista Simone Battaggia, Wafaa racconta la sua storia e le sue difficoltà, in particolare in relazione alla famiglia che, rimasta in Egitto, viene a conoscenza del percorso sportivo della giovane ma non accetta la carriera poiché non consona per una donna. Recentemente però una svolta: «Mio nonno mi ha chiamata “la mia scalatrice” e per me è stata una grande emozione. Nell’ottica egiziana, in cui la donna vale poco, essere accettata come arrampicatrice e riconosciuta come tale anche dal nonno e dai cugini, che sono uomini, è una soddisfazione personale».

Al di là di non essere uno sport per donne, l’arrampicata non è una disciplina generalmente conosciuta in Egitto, se non nella capitale Il Cairo e in alcune zone circoscritte nel deserto. Wafaa afferma di aver tentato di cambiare la situazione: «Quando ho saputo che l’arrampicata sarebbe entrata tra le discipline olimpiche mi sono mossa subito per creare una squadra egiziana che vi partecipasse, con il poco tempo non si è riusciti ma è qualcosa su cui si potrebbe lavorare».

Alla domanda «quanto sono importanti per te i gradi e i numeri delle pareti che scali?», la risposta della ventiseienne è molto sicura: «Non mi sono mai interessati, arrampicare per me è sempre stata una forma di libertà nei confronti della vita a cui appartenevo ma dalla quale al contempo mi stavo allontanando, creando nuove radici in Italia». Per Wafaa è dunque il risvolto psicologico della disciplina ad essere maggiormente importante «per capire cosa si è e cosa si vuole. Non è l’arrampicata ad avermi resa una donna più forte. Io sono una persona molto forte e arrampicare mi ha aiutata a capirlo».

A proposito del tema dell’arrampicata al femminile, Wafaa afferma: «Non è che esista un modo femminile di approcciare le pareti, però le donne trovano il loro modo di risolvere le vie diverso dagli uomini, perché è chiaro che uomini e donne sono diversi». Per la giovane l’arrampicata è – soprattutto per le donne – «una danza che ti trasporta fuori dal mondo. Ti stacca dalla vita e ti fa pensare solo a quello che stai facendo, a vivere appieno la tua passione.»

Le parole che descrivono al meglio il mondo dell’arrampicata sono condivisione, aiuto, solidarietà. C’è dunque spazio per la rivalità? «Per me personalmente no, i legami più forti della vita li ho creati proprio nel mondo dell’arrampicata». Di fronte ai grandi nomi della disciplina, Wafaa prova ispirazione, soprattutto per la loro determinazione, basata necessariamente su una grande passione: «Le due cose sono inscindibili».

Altre passioni? «La moda. Mi sto trasferendo a Milano per studiare fashion design». Altri progetti? Molti. «I miei piani futuri non riguardano più il superamento dei limiti personali ma virano verso il sociale. Io non ero nessuno, ho cominciato dal basso, è la comunità che mi ha fatto crescere» questa è l’affermazione che descrive il progetto di creare in Egitto comunità sportive che permettano – soprattutto ai bambini – di buttare giù le barriere e i limiti, culturali o religiosi che siano. «Lo sport è qualcosa di immenso e importante, dà la carica per affrontare la vita. Tutti gli sport sono dei mezzi per aiutare a formarsi come persone, a scoprire sé stessi ed esprimersi.»

Sport
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...
  • A volte basta un bagno per rinascere, per cancellare stress, ansia e preoccupazioni. Scarpe como ...
  • Far dialogare tra loro i diversi popoli, superando le diversità linguistiche, con l’ambizione ...
  • "So Farewell, Yellow Brick Road". Mani sui tasti del pianoforte a coda e via, pronto a suonare ...
  • Fake news, perchè ci caschiamo ancora? La risposta è semplice, è il nostro cervello ad "ingann ...
  • Per la nostra sezione Sport, vi proponiamo il focus dedicato ai 32esimi di finale di Coppa Italia ...

giovedì 29 Settembre 2022