Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Festival dello Sport: intervista ad Alex Bellini

Alex Bellini è un esploratore che tra le sue numerose traversate annovera quella dell’Oceano in barca a remi. Recentemente si è votato a un’impresa altrettanto importante e difficile: combattere la crisi climatica. Abbiamo avuto l’occasione di intervistarlo dopo il suo incontro nella terza giornata del Festival dello Sport.

Alex, hai affrontato numerose imprese, molte delle quali in solitaria. Come vivi la differenza tra quei momenti e la vita di tutti i giorni?

La cosa marcata che salta all’occhio è che nella vita di tutti i giorni c’è una distribuzione della responsabilità che non esiste quando sei impegnato in un’attività solitaria. Questo è un grande insegnamento di cui mi rendo conto quando ogni tanto mi prendo dei lussi che non mi potrei permettere in mezzo al mare. Le mie esperienze diventano anche uno standard che tendo talvolta con fatica a replicare a terra, come l’idea di essere l’unico responsabile delle mie azioni, sulla barca non c’è nessuno che, per esempio, fa le cose per me, rema per me, mentre a casa le responsabilità sono divise. Poi, dall’altra parte, c’è anche il piacere di condividere la vita con chi amo, con la mia famiglia, le mie figlie, e questa è tutta un’altra avventura che prevede delle logiche un po’ diverse.

Durante le tue imprese ti sei trovato in stretto contatto con gli ambienti naturali più diversi. Questa visione così da vicino della natura ha fatto emergere in te un maggiore desiderio di proteggerla?

Sì, chiaramente. Io parto dal principio che non puoi amare o non puoi proteggere qualcosa che non conosci, e in questo caso si tratta di un processo lento di acquisizione di una consapevolezza che parte dal frequentare l’ambiente. Lo frequenti, comprendi, conosci, interpreti e di conseguenza te ne innamori. È solo quando ami qualcosa che poi tendi a proteggerla, esattamente come un padre o una madre protegge i propri figli. Per questi motivi non dovrebbe sorprendere se sono proprio i navigatori, gli esploratori, gli alpinisti, ma anche i cicloturisti, insomma tutta la gamma di viaggiatori, che diventano a un certo punto voce del bisogno di prendersi cura di un ambiente che sì, dà possibilità di realizzare grandi sogni, ma sotto la lente più ampia permette anche la vita sulla Terra. Inoltre, l’esploratore è una persona che cammina come un funambolo su una linea sottile tra il troppo e il troppo poco ed è proprio perché riesce a camminare, a rimanere in equilibrio, non incidendo e non violando quei principi fondamentali che garantiscono gli equilibri sociali e ambientali, che si definiscono dei nuovi standard di riferimento.

Per imprese come la tua, è fondamentale conoscere la natura?

Sì, è importante conoscerla perché se non conosci la natura non conosci l’ambiente, non ne conosci le logiche, i ritmi, gli aspetti più delicati e in questo modo il rischio di incorrere in pericoli inutili è molto alto. Ogni spedizione, ogni attività esplorativa prevede sempre e comunque un momento di conoscenza e di introduzione all’ambiente, prima in una forma virtuale, attraverso le ricerche che si possono fare da casa, poi sempre più accedendovi anche fisicamente. È così che si può cominciare non solo a interpretare, ma anche a sentirsi in sintonia e a comprendere i cicli della natura, i punti delicati. Di conseguenza, solo a quel punto, quando hai acquisito quella forma di conoscenza, è il momento propizio per iniziare.

Le tue imprese sono poi virate verso la salvaguardia ambientale, ci puoi raccontare questa esperienza?

Deriva dalla responsabilità dell’esploratore che ha conosciuto la natura e che vuole guidare la consapevolezza di tante altre persone che magari non hanno avuto lo stesso privilegio di poter guardare il mondo da una prospettiva diversa. Il ruolo che vorrei avere è proprio quello di guidare a volo d’uccello sopra il mondo, sopra agli ecosistemi. Vorrei raccontare come bisogna pensare, il modo, non che cosa si deve fare. Questo perché molte delle azioni che compiamo sono determinate da ciò che pensiamo, dai modelli mentali di riferimento e se vogliamo cambiare qualcosa nel mondo, dobbiamo cambiare anche questi schemi di riferimento, le spiegazioni che ci diamo ai vari fenomeni della vita. Quindi mi piacerebbe essere una guida spirituale in un certo senso, più che una guida pratica. La crisi ecologica può essere risolta solo se contemporaneamente c’è un’evoluzione culturale: questa è la precondizione di tutto.

Sport
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

martedì 31 Gennaio 2023