Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Festival dello Sport: Baldassarri e Raffaeli, il ritmo della vittoria

Il compito di inaugurare la quinta edizione del Festival dello Sport di Trento è andato alle campionesse di ginnastica ritmica Milena Baldassarri e Sofia Raffaeli, reduci dai campionati mondiali da record conclusisi da poco a Sofia in Bulgaria.

Nella competizione le atlete italiane hanno totalizzato 9 medaglie di cui 6 ori, un argento e due bronzi. Di queste Baldassarri ha conquistato un bronzo alla palla, mentre Raffaeli è stata la stella incontrastata con un bronzo alle clavette e quattro ori al cerchio, alla palla, al nastro e all’all around, segnando con quest’ultimo un traguardo mai raggiunto prima dall’Italia. “Siamo partite con il proposito di fare del nostro meglio ma non avremmo mai immaginato questo risultato, in modo particolare nell’all around che rappresenta la disciplina più importante per noi ginnaste perché è completo e permetteva la qualificazione alle Olimpiadi di Parigi 2024, una competizione dove non ci sono le specialità”, raccontano.

Nonostante l’esecuzione non fosse iniziata nel migliore dei modi con la perdita dell’attrezzo nel primo esercizio, la Formica Atomica – come soprannominata affettuosamente dalle compagne – è riuscita a recuperare nel nastro e soprattutto nella palla, con cui ha sbaragliato la concorrenza: “Era l’esercizio con cui mi giocavo tutto e non volevo ripetere l’esperienza del terzo posto con le clavette, che mi aveva fatto infuriare perché oltretutto era il mio preferito e ci tenevo a dare il massimo. Sono invece rimasta soddisfatta di come ho maneggiato il nastro che durante la stagione non mi era mai riuscito perfettamente”.

La ginnasta diciottenne si è così imposta come punto di riferimento in questa disciplina, forte del tempo e della dedizione spesa ad allenare corpo e mente, supportata dalla sua allenatrice che per lei è diventata quasi una seconda mamma. “La testa è ciò che ti permette di vincere: mentre gareggio mi concentro al massimo, elimino tutto ciò che possa distrarmi e penso solo alla musica e ai movimenti che conosco a memoria a forza di ripeterli ogni giorno per ore. Ho una grande passione per questo sport e spero di riuscire a trasmetterla al pubblico e di rappresentare un esempio positivo per la ritmica e i giovani atleti”, spiega con sentimento.

Le due campionesse passano moltissimo tempo assieme e il loro affiatamento è evidente nelle affettuose parole di Baldassarri: “Vedere Sofia salire così tante volte sul podio più alto è stata una vittoria anche per me: sono orgogliosa della sua crescita. Io arrivavo da momenti altalenanti e vincere il bronzo alla palla mi ha spronata: la nostra è una disciplina in cui si aspira alla perfezione, che è sempre irraggiungibile, per cui non si finisce mai. Ma a questi mondiali ho avuto il mio riscatto e la cosa più soddisfacente è stata poterlo condividere con Sofia!”.

Entrambe ricordano poi con gioia il momento in cui hanno intonato insieme l’inno di Mameli. “Per me conta portare in alto la bandiera italiana e aver potuto cantare l’inno per cinque volte in questi mondiali è stata un’emozione unica”, racconta Sofia. E Milena conclude: “In futuro mi piacerebbe lavorare nel cinema o nello spettacolo, ma non abbandonerò mai la ritmica perché quando si ha una passione, la si deve coltivare per tutta la vita”.

Sport
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...
  • A volte basta un bagno per rinascere, per cancellare stress, ansia e preoccupazioni. Scarpe como ...
  • Far dialogare tra loro i diversi popoli, superando le diversità linguistiche, con l’ambizione ...
  • "So Farewell, Yellow Brick Road". Mani sui tasti del pianoforte a coda e via, pronto a suonare ...
  • Fake news, perchè ci caschiamo ancora? La risposta è semplice, è il nostro cervello ad "ingann ...
  • Per la nostra sezione Sport, vi proponiamo il focus dedicato ai 32esimi di finale di Coppa Italia ...

giovedì 29 Settembre 2022