Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

FDS 2023 – Andrea Pirlo: Il Maestro

Andrea Pirlo, globalmente riconosciuto come “Il Maestro”, non poteva che essere stato forgiato calcisticamente da altre figure che hanno avuto lo stesso appeal su altre generazioni di sportivi: <<in panchina Mazzone, Ancelotti, Trapattoni, Lippi, Conte>>, i nomi che ha voluto evidenziare lui stesso, durante uno degli eventi di punta del Festival dello Sport, nella cornice dell’Auditorium Santa Chiara. L’idolo e ispirazione sul campo è stato invece il Divin Codino, Roberto Baggio, con cui Pirlo ha anche avuto modo di giocare. Le tre fasi di cui si è parlato sono state principalmente il Milan, la Juve e il salto verso il mondo degli allenatori.

La storia del Milan la conosciamo tutti. Nei suoi dieci anni in rossonero, Pirlo, si è confermato come uno dei play più forti del mondo, se non il migliore della sua generazione.  Le Champions vinte, quelle perse e il Mondiale, il Maestro si è raccontato, rivelando la sua prospettiva su molteplici situazioni, come il rigore della sequenza vincente ai Mondiali del 2006, <<Era il primo rigore, sicuramente il portiere si sarebbe tuffato verso uno dei due lati, non sarebbe rimasto immobile>>, ma anche come sia saltato dal Diavolo alla Juventus. <<Con Conte ho avuto una seconda giovinezza>> ha aggiunto a riguardo, <<Con Allegri ho passato due anni, uno al Milan e uno alla Juventus. Non ero più un calciatore per quel Milan, quando arrivò alla Juve si è chiuso un ciclo vincente, non volevo essere un peso e sono andato via>>. Il ricordo migliore è quello della prima Champions, nel 2003, con un gruppo, composto <<Da personalità fortissime>>, che difficilmente potrà essere eguagliato per fenomeni: Seedorf, Pirlo, Kakà, Dinho e così via.

Pirlo, senza peli sulla lingua, si è lasciato andare in un discorso molto forte su quella che è stata la sua esperienza sulla panchina della Juventus: <<Non volevo fare l’allenatore, dopo i primi corsi mi sono interessato a quel mondo. Per me è stata una soddisfazione veder crescere i giocatori che ho allenato, ma non mi piace quando c’è qualcuno che parte prevenuto. A qualcuno ha dato fastidio vedermi sulla panchina della Juventus senza aver fatto la gavetta, accetto le critiche costruttive, ma non mi piace quando si va sul personale>>. Per quanto riguarda il suo futuro, invece, ha negato la possibilità, al momento, di un ritorno nel mondo del Milan, per quanto qualche chiacchierata “a tema calcio”, con Maldini ci sia stata.

L’etica lavoratrice dell’uomo capace di provocare gli incubi al grande Joe Hart, per la Panenka dei quarti dell’Europeo del 2012, è sempre stata centrale nella sua crescita come persona e come giocatore: <<Quando avevo 15, 16, anni, andai in ritiro con la prima squadra del Brescia, mentre gli altri pensavano alle vacanze o alle serate>>, ha commentato, <<Nel calcio nessuno ti regala niente, questo cerco di trasmettere ai miei figli, così come ai miei giocatori, molti hanno la stessa età: bisogna rispettare le regole e il gruppo. Vince la squadra, poi all’intero la differenza è data dal talento del singolo>>. Quel rispetto delle regole, è stato nuovamente chiamato in causa, quando si è parlato della situazione “calcioscommesse”: <<Mi dispiace vedere dei ragazzi così giovani, che fanno il mestiere più bello del mondo, buttarsi via così>>.

A cura di Diego Morone e Giovanni Iannucci.

Sport
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

lunedì 4 Marzo 2024