Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Europa League: la Roma è in semifinale!

Gli ultimi brividi europei di questa sfortunata stagione – che ha visto sfumare i sogni di gloria di tutte le altre formazioni italiane in Champions ed Europa League – ce li regala la Roma di Fonseca che, stringendo i denti contro un Ajax in grande spolvero e grazie al gol di un redivivo Dzeko, acciuffa per i capelli la semifinale della seconda coppa europea e si regala il Manchester United. Gara non facile per i giallorossi che, neanche troppo velatamente, decidono di lasciare il pallino del gioco agli olandesi, vanno sotto, tremano per il raddoppio ospite annullato dal Var ed infine festeggiano il 117^ gol dell’attaccante bosniaco e la qualificazione.

In attesa di vivere le emozioni della doppia, fascinosa sfida con gli inglesi (and. 19 aprile – rit. 6 maggio), vi proponiamo, naturalmente in 30 righe, il Pagellone dei giallorossi.

Lopez 5: Con i piedi non è un mago e non è una novità. Inizia la gara sbagliando un passaggio e, uscendo su Brobbey rischia il patatrack: maestro del brivido.

Mancini 6: Agonismo e concentrazione, l’ex Atalanta si dimostra pedina fondamentale della retroguardia giallorossa, peccato per l’ammonizione che lo costringerà a saltare l’andata con il Manchester.

Cristante 5,5: Meglio nella prima frazione di gioco. Quando l’Ajax alza i giri del motore lui va in difficoltà e non riesce quasi mai a trovare la quadra: non la classica colonna della difesa.

Ibanez 6: Anche lui non perfetto in molte occasioni, va a corrente alternata fra buone chiusure e amnesie pericolose. Capisce che non è una giornata da incorniciare e spesso bada al sodo tralasciando l’estetica.

Karsdorp 6,5: Parte con il freno a mano tirato ma poi vince ogni remora e regala una buona prestazione sia di quantità che di qualità in entrambe le fasi di gioco, riuscendo a contenere un brutto cliente come Neres.

Veretout 6: Da un piede come il suo ci si aspetterebbe sempre qualcosa in più, soprattutto in fase di impostazione. Lontano parente del Veretout pre infortunio, si salva mettendo in campo tanta corsa e fisicità.

Diawara 6,5: Presta molta più attenzione alla fase difensiva, dovendo gestire oltretutto alcuni palloni sanguinosi che gli arrivano dal suo portiere. Prova il break in un paio di occasioni ed è sempre prezioso nel giro palla.

Calafiori 6,5: Regala un pallone splendido a Dzeko in occasione del pareggio giallorosso. Nonostante la giovane età, si destreggia bene tra le linee mantenendo sempre alti ritmo e concentrazione: il futuro è nelle sue mani.

Mkhitaryan 6: Non ha ancora minuti nelle gambe e si vede. Fatica ad entrare in partita ma si salva grazie alla tecnica sopraffina e alla grande esperienza: nell’azione del gol c’è anche il suo zampino.

Pellegrini 6,5: Ha subito la possibilità di accendere la partita ma pecca di convinzione. Buona gara in fase d’impostazione: cerca sempre la verticalizzazione e, quando non è possibile, si sacrifica in fase difensiva.

Dzeko 7: Gioca una grande partita di sciabola e di fioretto: prezioso quando c’è da fare a sportellate con i difensori ospiti, preciso in fase di rifinitura e, ciliegina sulla torta, sigla il gol che garantisce il passaggio del turno.

All. Fonseca 6,5: Sapeva benissimo il tipo di gara che la sua squadra avrebbe dovuto giocare e predispone una Roma in formato “abbottonato” per arginare l’impeto olandese. I suoi interpretano alla lettera il diktat e si piazzano tra i primi quattro d’Europa: non male.

Sport
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...
  • A volte basta un bagno per rinascere, per cancellare stress, ansia e preoccupazioni. Scarpe como ...
  • Far dialogare tra loro i diversi popoli, superando le diversità linguistiche, con l’ambizione ...
  • "So Farewell, Yellow Brick Road". Mani sui tasti del pianoforte a coda e via, pronto a suonare ...
  • Fake news, perchè ci caschiamo ancora? La risposta è semplice, è il nostro cervello ad "ingann ...
  • Per la nostra sezione Sport, vi proponiamo il focus dedicato ai 32esimi di finale di Coppa Italia ...

giovedì 29 Settembre 2022