Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Come si misura il successo?

Come si misura il successo di uno sportivo? Attraverso il numero di vittorie? La costanza dei piazzamenti? La capacità di rimanere nella memoria collettiva, al di là dei risultati ottenuti? C’è da domandarselo dopo l’ennesimo arrembaggio di critiche che è seguito alla mancata vittoria di Filippo Ganna durante la cronometro del Giro d’Italia di venerdì scorso: Ganna non è in forma, non è più quello di un paio di anni fa, sta avendo una stagione di scarso successo, dopo la scorsa altrettanto – così dicono – infruttuosa. Eccolo, il successo. Come si misura, quindi? E perché, se Ganna arriva secondo, battuto solo dall’alieno Tadej Pogačar, la sua è una sconfitta, mentre nessuno mette in dubbio che la stagione del Bologna, ben lontano dal vincere lo scudetto o di arrivarci anche solo vicino, sia stata una stagione di assoluto successo? C’entra solo il fatto che sono due sport diversi o il discorso è più complesso?

Il problema è che viviamo in una società che pratica la disciplina del salto sul carro del vincitore ed è medaglia d’oro nel sollevamento di critiche. Fintanto che si può creare una narrativa favolistica legata all’underdog che fa sognare ottenendo risultati che vanno oltre l’immaginabile (vedi il Bologna nel calcio) allora tutto va bene, e siamo i primi a saltare sul carro dell’idolo di turno. Però, nel momento in cui l’underdog non è più tale e non rispetta certe aspettative (spesso assurde) allora cominciano le critiche. Ed è il caso di Ganna. Se si esamina con un minimo di senso critico la cronometro del verbanese ci si accorge che i commenti negativi non hanno ragion d’essere: come può essere fallimentare la prova di un ciclista che ne ha battuti (o in certi casi disintegrati) altri 160 ed è stato battuto da uno solo? Uno solo. Su un percorso che non gli si addiceva nemmeno del tutto. Fossero davvero tutti così i fallimenti.

Inoltre, a questa considerazione ne andrebbe aggiunta un’altra, che permette di inquadrare meglio la scarsa brillantezza di Ganna (così si è espresso lui stesso): gli obiettivi stagionali del fenomeno piemontese non arrivano prima della seconda metà di luglio, in occasione della prova olimpica a cronometro. Mancano ancora due mesi: una condizione stratosferica adesso significherebbe rischiare di arrivare alle Olimpiadi scarico. Chissà che cosa direbbero allora i suoi detrattori, che in questi giorni sono così veloci nel premere il grilletto contro di lui. Alla fine, il problema è uno solo: l’equazione vittoria = successo. Un’equazione dalla quale faremo bene a liberarci il prima possibile. Ne va della nostra salute e della salute dello sport in generale.

Sport
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

domenica 26 Maggio 2024