Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Che cosa significa fare attività fisica in estate

Sicuramente significa sudare un sacco e fare necessariamente i conti con cambi d’abitudine inizialmente disturbanti. Ma alla lunga potrebbe non essere un male, perché insegna a fare di necessità virtù.

Non sorprendo nessuno se dico che questa estate è stata rovente. In diversi giorni di luglio e di agosto si sono toccati e superati i 40 gradi, rendendo difficile persino dormire. Tra le attività condizionate dal caldo – attività non certo basilari ma comunque importanti per il benessere psicofisico di un individuo – c’è stato anche lo sport. Quando le temperature sfiorano i 40 gradi anche alle sei di pomeriggio, pensare di uscire in bicicletta, di correre o di fare una seduta in una palestra non dotata di climatizzatore è pura e semplice follia. Quando non un suicidio. Che cosa fare allora?

Aspettare che rinfreschi risulta impossibile. Bisognerebbe fare sport dopo la mezzanotte e per chi svolge un lavoro d’ufficio questo è uno scenario impraticabile. C’è un’alternativa, però. Un’alternativa che va nella direzione opposta. Praticare sport non quando ha smesso di fare caldo, ma quando ancora deve cominciare. Dedicarsi cioè all’attività fisica di mattina presto, molto presto. È capitato anche a me di farlo in qualche occasione e pedalare all’alba, o poco dopo, è un’esperienza quasi mistica.

Facciamo due conti. Devi essere in ufficio alle nove e vuoi pedalare per un paio d’ore. Questo significa che devi partire alle 6: in questo modo avrai almeno un’ora per sbollire, lavarti e portarti sul posto di lavoro. Partire alle 6, per i ciclisti della domenica come noi, significa svegliarsi per fare colazione almeno un’oretta, un’oretta e mezza prima. E la sveglia alle 4 e mezza non fa piacere a nessuno, specie se poi ci attende una lunga giornata di lavoro e le mille altre incombenze della quotidianità. Però, c’è un però.

Praticare attività fisica di mattina dà una marcia in più. E non lo dico io, che sono nessuno, ma la scienza: lo dicono i medici. Fare sport prima di cominciare la giornata significa mettere in circolo energia che normalmente a quell’ora non c’è. Significa essere più pronti e produttivi, più reattivi. E di umore migliore, grazie alle endorfine in circolo. Certo, la stanchezza si farà sentire ma basterà calibrare le proprie abitudini per superarla: anticipare di un paio d’ore l’orario in cui si va a dormire permetterà senza troppi patemi di anticipare di un paio d’ore l’orario della sveglia. Semplice. E il nostro fisico si abituerà in un attimo al nuovo ritmo. Anche perché le estati si allungano e i periodi di caldo intenso rischiano di essere sempre più frequenti. Perché non abituarci fin da subito a una nuova routine?

Sport
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

lunedì 4 Marzo 2024