Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Certezza Trainotti, molto bene Pozzer e Ercolani, male Sipos

Credits: Carmelo Ossanna e Michael Giacca – A.C. Trento 1921

Pozzer 6,5: non era facile prendere il posto di Russo tra i pali gialloblu, ma concludere con la porta inviolata è un risultato davvero importante.

Vitturini 6: prestazione decisamente migliore rispetto a quella vista contro il Padova, dalle sue parti non arrivano grossi pericoli. (dal 6 pts Pedergnana sv: entra nel finale e fa il suo esordio tra i professionisti)

Trainotti 6,5: viene chiamato in causa per la prima volta in stagione e risponde presente, come sempre del resto. Una garanzia per il reparto difensivo gialloblu, capitano esemplare!

Garcia Tena 6: fa il suo in fase difensiva, fermo restando che l’attacco dell’Arzignano non lo impegna più di tanto. (dal 1’ st Obaretin 6: ritrova posto in mezzo alla difesa e deve fare a sportellate con Grandolfo prima e Canato poi che non gli rendono la vita facile, ma se la cava).

Vaglica 6: anche dalla sua parte non arrivano grandi soluzioni offensive dell’Arzignano e questo gli permette di ben figurare in fase difensiva, sebbene non spinga molto in proposizione.

Brevi 6: senza infamia e senza lode, la sua prima apparizione da titolare in maglia gialloblu non è forse come l’aveva sognata. (dal 6’ pts Sangalli sv: entra nel finale)

Di Cosmo 6: il classico perno in mezzo al campo di cui si necessita sempre. Corre e si danna l’anima, come suo marchio di fabbrica, per la squadra ed è sempre l’ultimo a mollare quando si tratta di stringere i denti. Peccato per il rigore sbagliato malamente.

Ercolani 6,5: gioca il proprio esordio in un ruolo non suo e fa una buonissima partita. Attento in fase di ripiegamento e ben presente in quella di costruzione e riproposizione, gli manca un po’ di lucidità negli ultimi venti metri, ma è giovane ed è normale sia così. (dal 35’ st Ruffato 6: sufficienza per la prestazione complessiva nonostante l’errore decisivo dagli undici metri, ma lo sappiamo: ‘non è da un calcio di rigore che si giudica un giocatore’).

Terrani 5,5: un’altra occasione sprecata per giocarsi un posto da titolare nelle partite che più contano. Non gli riescono i dribbling e nemmeno i cross per i compagni ed i tiri, così come perde troppi palloni ed espone la squadra a qualche contropiede evitabile. (dal 35’ st Del Piero 6: per essere al suo esordio tra i professionisti, fa il suo sfiorando il gol vittoria che avrebbe mandato in apoteosi tutta Italia per il cognome pesante che porta).

Anastasia 5,5: prova a scatenare la sua tecnica abbinata alla velocità nei pochi spazi della retroguardia veneta, ma incide poco e finisce presto per cadere vittima dei difensori avversari. (dal 11’ st Pasquato 6: un po’ meno preciso del solito, ma comunque la classe cristallina c’è sempre e quando s’intravede è un piacere per gli occhi).

Sipos 5: pesa certamente l’errore sul primo rigore della serie gialloblu, ma anche guardando alla prestazione complessiva, c’è poco da salvare in un match che doveva rilanciare le sue quote per un posto da titolare nel corso delle prossime partite.

Tedino 6: disegna una squadra molto giovane che tiene testa per 120 minuti all’Arzignano. Forse manca ancora quel pizzico di cattiveria che negli ultimi metri è in grado di fare la differenza e di sbloccare partite difficili come questa.

Sport
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

lunedì 4 Marzo 2024