Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Gli azzurri volano in semifinale: il Pagellone di Belgio-Italia

Stropicciamoci gli occhi, è tutto vero. Gli azzurri di Mancini, al termine di una partita difficile e piena d’insidie, riescono ad avere la meglio sul Belgio di Roberto Martinez. Accade tutto nel primo tempo: dopo un avvio difficile, in cui i “padroni di casa” sembrano prendere possesso dell’iniziativa, Chiellini e compagni riescono a passare in vantaggio, alla mezzora, grazie ad uno splendido gol di Barella; a suggellare il risultato ci pensa, un quarto d’ora dopo, the magician Roberto Insigne, mettendola nel sette dalla distanza. Neppure il tempo di pregustarsi una doccia calda in (relativa) tranquillità che l’arbitro concede un rigore, obiettivamente generoso, al Belgio. Và in scena cosi all’Allianz Arena un pezzettino di derby della Madonnina: Lukaku contro Gigio Donnaruma, con quest’ultimo che è costretto a capitolare. Il risultato, fissato sull’1-2, non muterà fino al novantesimo.

Nel nostro consueto approfondimento UnderTrenta vi proponiamo il Pagellone della sfida!

Donnarumma 7,5: Qualità, coraggio, perfezione. Il neo “parigino” si dimostra un’altra volta imprescindibile per questa Nazionale: para tutto quello che c’è da parare e, nel corso della gara, dialoga con l’intero reparto arretrato per far sentire la sua presenza. Cheapeau.

Spinazzola 9: Il voto è complessivo per tutta la cavalcata Europea: il migliore in campo degli azzurri è costretto a lasciare il campo in lacrime per un brutto infortunio. Se l’Italia è in semifinale è anche grazie alle sue prestazioni sontuose.

Chiellini 8: Ridimensiona il gigante Lukaku per tutta la gara: sempre impeccabile, non concede praticamente nulla agli avversari. Colonna portante.

Bonucci 7: Regista arretrato, fa meno il difensore e più il metronomo in seconda linea. Preziose alcune sue chiusure, specialmente nella ripresa.

Di Lorenzo 6: Ingenuo, a dir poco, sul rigore che riapre la partita. Soffre perennemente Doku e non riesce mai ad arginarlo: non la sua miglior prestazione, al netto di un impegno costante.

Verratti 8: Gara da incorniciare: corre, imposta, detta i ritmi della squadra e quando serve “ringhia” sugli avversari, recuperando palloni preziosi. Monstre.

Jorginho 7: Parte “timido” ma poi corregge il tiro: si rivela fondamentale, assieme a Verratti, nella gestione dei palloni che passano là in mezzo.

Barella 8: Un gol da sogno: sblocca la partita e rischia pure di fare il bis. Recupera mille palloni e, quando si inserisce, è devastante.

Insigne 8: Ci prova un paio di volte, alla terza ci riesce. Un gol spettacolare a suggellare una prestazione a dir poco “ispirata”: bello e concreto.

Immobile 5,5: S’impunta e non la spunta: prova in tutti i modi a rendersi pericoloso senza mai riuscirci. Fa a sportellate con tutti e ne esce tritato: giusta la staffetta con Belotti.

Chiesa 7: Mancini gli chiede di limitare Hazard e lui lo fa alla perfezione. Quando si sgancia non lo tengono ed è una spina costante nel fianco degli avversari: spetterà a lui allargare le maglie spagnole in semifinale, furie avvisate.

All. Mancini 8: La “sua” Italia gioca, soffre, vince e convince. Il trentaduesimo risultato utile consecutivo è un capolavoro: ora sognare non è più proibito e questo anche grazie al meraviglioso lavoro del tecnico di Jesi.

Sport
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Per la nostra sezione Sport, vi proponiamo il focus dedicato ai 32esimi di finale di Coppa Italia ...
  • "Al Tour de France trionfa lo sport, quello vero". Un approfondimento dedicato all'ultimo Tour de ...
  • Bill Russell è morto. Aveva 88 anni. Se ne va una leggenda della pallacanestro, il giocatore pi...
  • "La voce delle emozioni". Vi proponiamo oggi l'intervista alla filosofa e scrittrice Ilaria Gaspa ...
  • Joba è il nome d’arte di Giovanni Balduzzi, giovane cantautore che ha appena lanciato il suo n ...
  • "Canto per Europa, la migrante ferita dallo sguardo intelligente e profondo". Paolo Rumiz è stat ...

giovedì 11 Agosto 2022