Serie A, il focus della 15^giornata

Atalanta rullo compressore: manita servita e Sassuolo “obliterato”. Il nostro focus della 15^ giornata di serie A non può che essere dedicato alla roboante vittoria della Dea che, senza troppi patemi d’animo, archivia la pratica Sassuolo e aggancia in classifica l’eurozona.

Gasperini rinuncia ad eccessive sorprese per quanto riguarda la formazione, con il solito Duvan Zapata a guidare l’attacco supportato da Ilicic e Pessina, mentre il dirimpettaio De Zerbi rinuncia a Djuricic dando spazio a Traore alle spalle di Caputo.

L’avvio di partita è frizzante, con i neroverdi che si rendono subito pericolosi con le fiammate di Muldur e Kyriakopoulos che Gollini è bravo a neutralizzare. Si tratta però di un fuoco di paglia perchè – giusto il tempo di “registrarsi” – da quel momento l’Atalanta prende le redini dell’incontro e sale letteralmente in cattedra.

La gara si sblocca all’11’ con Zapata che sfrutta un’indecisione difensiva degli ospiti per battere un incolpevole Consigli. A vantaggio acquisito si assiste ad un monologo dei padroni di casa che, grazie allo stato di grazia di Ilicic e Pessina, creano occasioni a ripetizione e sfiorano il raddoppio in almeno tre occasioni. Raddoppio che arriva puntuale in chiusura di primo tempo dopo una galoppata di Ilicic che tocca al centro per Pessina che, al volo, segna il 2-0.

Nella ripresa il copione non cambia e un tramortito Sassuolo incassa subito il terzo gol ad opera del solito Zapata che, servito da Freuler, non sbaglia e sigla la doppietta personale. De Zerbi prova correre ai ripari inserendo Obiang e Defrel ma la storia non s’inverte: passano otto minuti e Gosens, dopo una fuga di trenta metri palla al piede, scarica un destro potentissimo che s’infila sotto la traversa. Poker servito.

Gasperini, a risultato ormai acquisito, fa rifiatare Ilicic e Pessina inserendo Malinovskyi e Muriel che, assecondando il suo “vizietto”, entra e segna: imbeccato da Freuler, al 68′,  il colombiano fulmina il povero Consigli con un tocco morbido dal limite dell’area piccola.

Nel finale c’è tempo anche per il gol della bandiera del Sassuolo che, dopo una serie infinita di rimpalli al limite dell’area dell’Atalanta, riesce a gonfiare la rete con un un destro di Chiriches dall’altezza del dischetto.

La gara finisce dopo alcuni minuti di pura gestione che non rega emozioni se non alle statistiche sul possesso palla: Atalanta in paradiso e Sassuolo nell’angolino a riflettere su ciò che non ha funzionato.

 

 

 

Sport
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • In risposta alla sfida di UnderTrenta "Democrazia o prepotenza?", pubblichiamo oggi la riflession ...
  • Quale scienza nel nostro futuro? Per la nostra sezione approfondimenti l'intervista - a cura di F ...
  • In questo appuntamento de "L'occhio su Trento" scopriamo le Gallerie di Piedicastello, una sede e ...
  • Il quinto appuntamento della nostra rubrica musicale "Si salvi chi PROG" è dedicato al concept a ...
  • Avete passato il weekend a fare binge-watching dello spin-off, che è anche prequel, della serie ...
  • Il 13 agosto 2021 è spirato Gino Strada. Medico di guerra, fondatore di Emergency e costruttore ...

sabato 18 Settembre 2021