“Pensieri stropicciati” – Silvia Scarozza

con una penna

Pensieri stropicciati – Silvia Scarozza 

 

Pensieri stropicciati.

Li guardo e penso

Che non ho voglia di stirarli.

Li indosserò così,

Svogliatamente,

Con le pieghe del cuscino

Ancora impresse

Su ogni parola.

 

Pensieri ingarbugliati.

Mi guardo e penso

Che non ho voglia di aggiustarmi.

E mi mostrerò così,

Sciattamente,

Con le occhiaie e senza trucco

Che ridano pure,

Che stiano a guardare.

 

E ho solo me stessa,

Questa me stessa,

Da portare in giro.

Non una migliore,

Più fresca, più pulita, più brillante,

Solo questa inutile matassa

Di pensieri logori e abusati,

Di parole usate e accartocciate.

 

Normalmente,

Un altro giorno,

Un’altra me

Si getterebbe via,

Come una pallina di carta

A far canestro nel cestino.

Si tirerebbe fuori nuova

Da un cassetto, penna pronta.

 

Ma oggi no.

Questa me non può buttar via niente

Che poi dal niente non sa più ripartire.

E allora avanti così:

Pensieri stropicciati, ingarbugliati,

Logori e abusati.

Parole usate e accartocciate.

Pieghe, cuscino, occhiaie.

Ma tu.

No.

Rubriche
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • COP26: la testimonianza della nostra collaboratrice Ilaria Bionda che, nell'ambito progetto "Vist ...
  • Orientarsi nello stralunato mondo di Salvador Dalì non è impresa facile. Ci sono però dei temi ...
  • Musica? Never enough! Per la nostra sezione Cultura vi raccontiamo la terza serata del contest "S ...
  • "Il sonno della scrittura genera mostri." Un'interessante riflessione sul fatto che "scrivere ben ...
  • Nel 1938 gli architetti razionalisti Giuseppe Terragni e Pietro Lingeri dedicavano a "La Commedia ...
  • Cosa si nasconde dietro la fenomenologia del rewatch, ovvero dietro quella voglia di rivedere ser ...

martedì 7 Dicembre 2021