“Lettera al tempo” – Sirio

“Lettera al tempo” – Sirio

 

Caro Tempo,

Davvero pensavi che bastasse una vita intera

a farmi scordare quell’istante?

Davvero eri convinto che di fronte al tribunale dei miei sogni

fossi disposto a confessare il mio errore?

 

Sei stato un illuso credendo di fermarmi

con quintali di deviazioni.

Tanto io le sapevo già e cambiavo direzione in anticipo:

neppure tu hai il comando del gioco.

 

Ti rincontrerò seduto ad un tavolino da gioco

ed entrambi avremo in mano un poker di assi.

Poi calerà il silenzio su di noi.

Definitivamente.

Rubriche
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • COP26: la testimonianza della nostra collaboratrice Ilaria Bionda che, nell'ambito progetto "Vist ...
  • Orientarsi nello stralunato mondo di Salvador Dalì non è impresa facile. Ci sono però dei temi ...
  • Musica? Never enough! Per la nostra sezione Cultura vi raccontiamo la terza serata del contest "S ...
  • "Il sonno della scrittura genera mostri." Un'interessante riflessione sul fatto che "scrivere ben ...
  • Nel 1938 gli architetti razionalisti Giuseppe Terragni e Pietro Lingeri dedicavano a "La Commedia ...
  • Cosa si nasconde dietro la fenomenologia del rewatch, ovvero dietro quella voglia di rivedere ser ...

martedì 7 Dicembre 2021