Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

“La ballata dell’amore sconfitto” – Sara Pasqualini

 

“La ballata dell’amore sconfitto” – Sara Pasqualini

Tesa davanti al mio pallido riflesso
Mi osservo nuda dopo l’ennesimo amplesso:
Non riconosco più le mie guance scarne,
Non ricordo più le vere forme della mia carne.
Mi guardo bruciare al buio, sotto voce,
Sempre più stretta in un malessere feroce.
Vorrei incrociare il tuo sguardo almeno per un istante,
sfiorarti le mani, credere che tu sia per me davvero importante
e invece mi vesto, mi giro, mi perdo nel nulla,
nella notte mi ritrovo, nel vento che mi culla.
Stretta nel fumo di un’altra sigaretta comincio a ballare,
Basta un momento: dimentico il mio non saper amare.
Mi tuffo in un bar tra quelli che ho sempre disprezzato,
ricordo le mie parole d’odio: quanto fiato ho sprecato.
Rassegnata, mi accorgo di non essere poi così diversa,
Bicchiere dopo bicchiere, voglio anche io sentirmi persa.

Rubriche
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

mercoledì 21 Febbraio 2024