Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Intrecciando futuro: donne, femminismi e resistenze

In questo dossier si analizzano alcuni esempi di movimenti femminili, femministi e di resistenza nelle Americhe e in Australia. Nel prossimo, invece, ci concentreremo su quelli africani, asiatici ed europei. Clicca qui per leggere i vari approfondimenti, tra cui:

  • Colectivo Mapuche Rangiñtulewfü: Donne Mapuche
  • Marcia Mondiale delle Donne
  • Donne Zapatiste Indigene
  • Chi fa cosa: Eva Johnson

 

A partire dagli anni Settanta, nelle Americhe si inizia a diffondere una serie di teorie individuali e saperi collettivi di donne razzializzate (che subiscono un razzismo strutturale) e subalterne che criticano il femminismo moderno occidentale, bianco, borghese e liberale. Quest’ultimo, infatti, viene accusato di raccontare una storia unica e lineare, rappresentata, per esempio, dalla definizione di “donna” come categoria generale o la naturalizzazione della dicotomia sessuale e di genere (maschio vs. femmina). Dagli anni Novanta in poi questo movimento si diffonde e prende sempre più voce, soprattutto per la necessità di una risposta forte alle problematiche che caratterizzano la fine del Novecento.

Questo periodo è attraversato da grandi novità, come l’espansione del neoliberalismo e l’adozione di un’ottica globale, sia nell’economia che nei movimenti sociali. Allo stesso tempo, si diffonde l’idea della democrazia come condizione statale ottima e si rafforza il concetto di diritto umano universale. Infine, entra in crisi il discorso marxista come unica guida dei movimenti sociali, dato che questo non avrebbe potuto ovviamente dare alcuna spiegazione sulla nascita dell’America Latina a partire da un contesto coloniale e liberale. Proprio in risposta a questo, il nuovo movimento sociale e di pensiero prende il nome di ‘femminismo decoloniale’ e affonda le sue radici nel femminismo nero, dal quale riprende, per esempio, l’idea di un certo razzismo presente nella categoria “donna”, che il femminismo bianco presenta come un concetto omogeneo e che porta, fra le altre cose, a una chiamata all’unità di tutte le donne (la cosiddetta sorellanza) senza prendere in considerazione differenze etniche e/o di classe.

Il femminismo decoloniale, invece, punta all’intersezionalità, proprio nel senso con cui ha coniato questo termine Kimberlé Crenshaw nel 1989: da una parte, nel Sistema Sesso/Genere la persona di cui si parla è la “donna bianca”; dall’altra parte, nel Sistema Razzista, la persona al centro del discorso è l’”uomo nero”. L’intersezione fra queste due categorie di lettura del mondo rende evidente quello spazio, reso invisibile fino a quel momento, e occupato dalla “donna nera”. Come il femminismo lesbico autonomo, anche quello decoloniale si dichiara diffidente dallo Stato e dalle sue istituzioni, e assume una posizione contraria a quel femminismo che, invece, aderisce ai programmi delle democrazie liberali.

Proprio per questo, critica duramente la politica degli “aiuti allo sviluppo” provenienti dagli organismi transnazionali, che continuano a perpetrare l’idea di un Sud del Mondo subordinato al Nord, come se il colonialismo continuasse anche attraverso la beneficenza. Ed è proprio la colonialità uno dei punti di critica più forti di questo nuovo movimento, dato che questa è un modello globale del capitalismo e impone una classificazione razziale delle popolazioni. Questa è la grande rivoluzione del femminismo decoloniale: l’oppressione razziale e di genere ha una radice coloniale, che il femminismo bianco non ha incluso nel suo discorso.

Rubriche
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

lunedì 24 Giugno 2024