Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

“Il regista” – Sirio

“Il regista” – Sirio

Il cielo quando vuole dire qualcosa la dice, senza farsi problemi. Quella sera la luna spuntò al momento giusto tra le case fatiscenti che sovrastano il vicolo della scaletta. Marco sognava da sempre di diventare un regista, ma in quell’istante temette di aver sbagliato sogno. Sofia, la ragazza dai sandali di pelle, gli occhi azzurri ed il sopracciglio spezzato a causa di una ferita riportata nell’ultima manifestazione anarchica gli aveva sorriso.

Marco aveva fissato ogni fotogramma con una precisione maniacale. Ogni scena di quella che sarebbe potuta essere o, meglio, che era certo sarebbe diventata la pellicola del suo film era stata preparata alla perfezione. Aveva scelto la città più bella, gli attori migliori e le comparse più calzanti.

Una villetta a schiera, un letto matrimoniale, una trapunta bianca, un cane addomesticato, tante bugie e una chiave in grado di chiudere per sempre la serratura delle ali che avrebbe potuto spiegare. Senza rendersene conto aveva trasformato il suo sogno nel peggior incubo: era diventato il burattinaio di se stesso, giungendo ad amare le catene che lo imbrigliavano e che, al tempo stesso, lo sorreggevano.

Spesso è facile ingannarsi, credendo di navigare verso chissà quale porto quando, in realtà, non si avanza di un metro. Si cade in un buffo labirinto da sbrogliare, come a bordo di un veliero dalle vele squarciate, che danno solo l’impressione di gonfiarsi, traghettandoci però in nessun dove. E’ altrettanto facile perdere l’attrazione per il non provato, non riuscendo più ad alzare gli occhi verso nuovi orizzonti. Diventare l’espressione di un’ equazione senza risultato è il gioco di un istante: si fa il passo e non si può più tornare indietro.

Marco si trovava quella sera ad un bivio ed entrambe le vie erano illuminate da quella luna bugiarda. Ora aveva due chiavi, una per mano. Strinse forte la chiave nella mano sinistra, chiuse gli occhi e vide la serratura e la porta di quella casa: il letto era rifatto, il cane dormiva, Anna cucinava dello spezzatino. Lui fumava nervosamente sul poggiolo, rifuggendo quel nauseante odore di carne e di spezie.

Riaprí gli occhi, strinse la chiave nella mano destra, li richiuse. Sofia era davanti a lui e sorrideva. Si avvicinò e gli consegnò un filo con all’estremità un aquilone. Marco vide una piccola soffitta, una distesa di libri sparpagliati su un letto sfatto. Sentì l’aroma dell’oriente ed il sapore del tabacco. Sofia era alla finestra e gli dava le spalle: una sagoma nera nel riflesso del tramonto.

Spalancò di nuovo gli occhi e il nulla si distese davanti a lui: erano scomparsi la chiave e l’aquilone, Sofia ed Anna, la villetta e la soffitta. Era rimasta solo quella luna sopra il vicolo ed un chiacchiericcio di sottofondo. Si guardò intorno, fece un sospiro profondo ed accese una sigaretta, si incamminò senza una meta precisa, senza alcuna realtà preimpostata.

Il sogno di Marco era diventare regista: si era realizzato.

Rubriche
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Per la nostra sezione Sport, vi proponiamo il focus dedicato ai 32esimi di finale di Coppa Italia ...
  • "Al Tour de France trionfa lo sport, quello vero". Un approfondimento dedicato all'ultimo Tour de ...
  • Bill Russell è morto. Aveva 88 anni. Se ne va una leggenda della pallacanestro, il giocatore pi...
  • "La voce delle emozioni". Vi proponiamo oggi l'intervista alla filosofa e scrittrice Ilaria Gaspa ...
  • Joba è il nome d’arte di Giovanni Balduzzi, giovane cantautore che ha appena lanciato il suo n ...
  • "Canto per Europa, la migrante ferita dallo sguardo intelligente e profondo". Paolo Rumiz è stat ...

giovedì 11 Agosto 2022