Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Conferenza sul futuro dell’Europa, intervista a Pier Virgilio Dastoli

Intervista al Presidente del Consiglio Italiano del Movimento Europeo

La cerimonia della firma, nelle scorse settimane, nell’emiciclo di Bruxelles del Parlamento Europeo, di una dichiarazione comune di Parlamento Consiglio e Commissione dell’Ue, sancisce l’avvio della Conferenza sul Futuro dell’Europa, la cui apertura è attesa per il 9 maggio, Festa dell’Europa.

Il Movimento Europeo Internazionale coordina, attraverso 34 Paesi, la partecipazione ai processi di integrazione europea di organizzazioni della società civile, parti sociali, ong, partiti politici, enti locali e mondo accademico, insieme all’Unione dei Federalisti Europei, che è invece un’associazione di persone.

L’Atlante delle guerre ha intervistato Pier Virgilio Dastoli, Presidente del Consiglio Italiano del Movimento Europeo (Cime), sua articolazione in Italia.

In che prospettiva il Movimento Europeo guarda alla Conferenza sul Futuro dell’Europa?

«Con l’idea di completare il processo di integrazione europea nella direzione di un passaggio dal metodo comunitario a un sistema di tipo federale. La Conferenza costituisce un buon punto di inizio, alla cui conclusione sosteniamo che debba essere il Parlamento Europeo, unica istituzione eletta dai cittadini, ad assumere la leadership di un processo di riforma dell’Unione.»

Quali le tematiche in agenda e gli aspetti della base normativa e delle politiche europee in causa rispetto ai temi della guerra, dei conflitti e della pace?

«Nella Dichiarazione comune mancano alcune delle aree di dibattito da noi caldeggiate, in particolare quello di una capacità fiscale autonoma dell’Unione per poter svolgere delle missioni che altrimenti non possono essere svolte dagli Stati nazionali.

È invece presente il tema del “ruolo dell’Europa nel mondo”, ma in maniera generica. Nel Trattato di Lisbona in politica estera gli Stati nazionali conservano la maggior parte dei poteri e noi riteniamo che questo debba cambiare, anche eliminando il voto all’unanimità a livello del Consiglio.

Riguardo alla pace, il Movimento Europeo aveva sostenuto, purtroppo senza successo, che nella Costituzione europea, scritta all’inizio di questo secolo, dovesse essere inserito un articolo simile all’articolo 11 della Costituzione italiana, che dicesse che l’Unione europea respinge la soluzione di conflitti sul piano militare, scegliendo invece la strada della cooperazione e della pace. Continuiamo a ritenere che l’Europa debba dotarsi di un nuovo trattato, di tipo costituzionale, breve, e che l’inserimento di un tale articolo, con una formulazione giuridicamente vincolante, sarebbe un segnale forte inviato dall’Ue.»

Al seguente link è possibile leggere l’intervista completa sull’Atlante delle Guerre e dei Conflitti del Mondo.

Rubriche
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Per la nostra sezione Sport, vi proponiamo il focus dedicato ai 32esimi di finale di Coppa Italia ...
  • "Al Tour de France trionfa lo sport, quello vero". Un approfondimento dedicato all'ultimo Tour de ...
  • Bill Russell è morto. Aveva 88 anni. Se ne va una leggenda della pallacanestro, il giocatore pi...
  • "La voce delle emozioni". Vi proponiamo oggi l'intervista alla filosofa e scrittrice Ilaria Gaspa ...
  • Joba è il nome d’arte di Giovanni Balduzzi, giovane cantautore che ha appena lanciato il suo n ...
  • "Canto per Europa, la migrante ferita dallo sguardo intelligente e profondo". Paolo Rumiz è stat ...

giovedì 11 Agosto 2022