Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Viaggio tra le foto di Alessandro Franzetti

Se Genny ‘a Carogna legge Madame Bovary

«Sono seduto e leggo un poeta. C’è molta gente nella sala ma non si fa sentire. Sono tutti nei libri. Talvolta si muovono tra i fogli come uomini che dormano e si voltino fra due sogni. Fa bene stare così, fra uomini che leggono. Perché non sono sempre così? Tu puoi avvicinarti a uno di loro e toccarlo leggermente: non ti sente.» Quelle che avete appena letto, sono le dolcissime parole che uno dei massimi poeti vissuti a cavallo tra il 1800 e il 1900, il poeta austriaco Rainer Maria Rilke, vergò a mano all’interno de La Bibliothèque Nationale de France. Parole che mi sono venute in mente guardando le foto che Alessandro Franzetti (classe 1966) ha messo in mostra durante il Festival della Lettura a Ivrea. L’idea dell’esposizione ‒ intitolata La grande evasione ‒ è nata dalla pubblicazione di uno scatto su un blog di una radio di Kiev. La radio seguiva gli scontri di febbraio in Ucraina e mostrava un ragazzo in Piazza Maidan che, con un casco blu in testa e una maschera antigas davanti alla bocca, sfogliava un libro. Un mese dopo, il signor Franzetti si è divertito a immortalare un po’ di persone che sfogliavano dei libri, mentre svolgevano le più disparate mansioni quotidiane. Così ha fotografato contadini, pastori, ultras, skater. E il contrasto che ne è venuto fuori  ha dato molto da riflettere sia ai visitatori che al pubblico del web. Anzitutto sul potere della lettura e sulla sua fruizione, ma anche sull’idea elitaria che ne abbiamo, tanto da non immaginare ‒ o immaginare a fatica ‒ un agricoltore o un tifoso immersi in un libro. Inutile dire, che l’utopia sognata di Alessandro ci piace molto.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

mercoledì 1 Febbraio 2023