Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

The Endless River

L’atteso ritorno dei Pink Floyd

Ironicamente è ai pochi caratteri di un tweet che, il 5 luglio scorso , è stato affidato il compito di sussurrare nell’etere la notizia nella quale più nessuno da anni sperava e che, musicalmente parlando, ha dell’incredibile. A vent’anni esatti dall’ultimo album di studio, The Division Bell (1994), i Pink Floyd tornano con un nuovo disco. Le prime indiscrezioni fornite dall’iniziale cinguettio di Polly Samson (moglie di David Gilmour) e accolte con inevitabile diffidenza, trovano nell’arco di pochi giorni la conferma ufficiale della band e i dubbi lasciano rapidamente il passo alla certezza: la data da segnare sul calendario è quella di ottobre 2014, The Endless River (è questo il titolo scelto) è in arrivo.
Col passare delle settimane sono aumentate le informazioni in proposito: il materiale di partenza è costituito da registrazioni inedite effettuate durante la lavorazione di The Division Bell che sarebbero dovute confluire in un album strumentale di musica ambient per il quale era addirittura già pronto un nome: The Big Spliff. L’idea però un po’ alla volta venne accantonata e, dopo l’ultimo tour, il gruppo si sciolse di comune accordo dopo oltre trent’anni di onorata carriera. Da allora le due anime dei Pink Floyd, David Gilmour e Roger Waters, si sono completamente dedicati con successo alla loro attività di solisti (il primo, spesso in compagnia del tastierista Richard Wright) mentre Nick Mason, il batterista, ha coltivato il suo più grande hobby dopo la musica: l’automobilismo. Nel 2005 vi fu una reunion nell’ambito del Live8 del 2005, l’evento rock di sensibilizzazione contro la povertà nel Mondo organizzato da Bob Geldof;

È stato solo in seguito alla morte di Wright nel 2008 che Gilmour e Mason (Waters non ha collaborato al progetto) hanno ripreso in mano quanto preparato per The Big Spliff ampliandolo, arricchendolo, dedicandolo idealmente all’amico scomparso.

I Pink Floyd hanno fatto la storia della musica attraversando tre decadi, spaziando dalla psichedelica al rock progressivo, sperimentando la prima elettronica, aprendosi alle contaminazioni con altre forme d’arte. Adesso è il momento di The Endless River, un fiume infinito, come la loro musica.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

sabato 20 Luglio 2024