Suoni Universitari: Musica? Never enough

i “Queen of Saba” in concerto al Sanbapolis

Tu non hai fame? Never enough. Di musica naturalmente. Prendiamo in prestito i versi di due brani dei Queen of Saba, eclettico duo ospite, fuori concorso, del “terzo round” di Suoni Universitari, come incipit per raccontarvi una serata all’insegna della musica giovane, di qualità e tanta passione.

A “sfidarsi” sul palcoscenico del Teatro Sanbapolis di Trento – nell’evento organizzato dall’Opera Universitaria in collaborazione con le associazioni Sanbaradio, UNITiN, UDU Trento, il Centro Servizi Culturali S. Chiara e il Centro Musica del Comune di Trento – sono state la musica e le parole de Il Grigio, Blue Shirts, Federico Baracchi e Maitea: progetti artistici dalla genesi e dalle caratteristiche differenti ma in grado di coinvolgere ed appassionare il numeroso pubblico in sala.

Ad aprire le danze il cantautorato, sospeso tra le atmosfere di Neil Young e la schiettezza Fabri Fibra, del giovane Dario Pellegrini – in arte il Grigio – capace di affrontare con leggerezza temi esistenziali e tutt’altro che banali, restituendoli in una veste d’appeal alla platea; a far alzare i giri del motore del Sanbapolis ci hanno pensato poi i Blue Shirts, band trentina guidata dal frontman Luca Cestari, con i loro brani dall’anima rock’n roll; Federico Baraccchi, in terza battuta, ha preso per mano la serata proponendo la sua visione della realtà “ironica e disincantata”, adagiata su ispirazioni musicali internzionali (Nick Drake) e più homemade (Max Gazzè e NiccòloFabi); in chiusura, last but not least, le ballate cantautorali folk rock di Elisa Olaizola, in arte Maitea, accompagnata per l’occasione da un’intera band.

Terminate le esibizioni in gara, la chiusura dell’evento è stata affidata agli ospiti speciali della serata, il duo veneziano Queen of Saba: la talentuosissima voce di Sara Santi e le polisonorità di Lorenzo Battistel si sono rese protagoniste di un live coinvolgente, all’insegna dell’eterogeneità stilistica e capace di spaziare dall’elettronica al funk, dal reggae all’RnB, dal gospel alla trap, senza perdere di vista il filo rosso teso a “smantellare i dogmi di genere e a spaziare ed esplorare le infinite sfaccettature dell’arte, della musica, dell’essere”.

Il quarto appuntamento di Suoni Universitari, che spianerà la strada per la finalissima del contest, è in programma mercoledì 17 novembre, sempre alle ore 21, al Teatro Sanbapolis di Trento, pronto ad accogliere una nuova ventata di musica e passione.

Tu non hai fame? Never enough!

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • COP26: la testimonianza della nostra collaboratrice Ilaria Bionda che, nell'ambito progetto "Vist ...
  • Orientarsi nello stralunato mondo di Salvador Dalì non è impresa facile. Ci sono però dei temi ...
  • Musica? Never enough! Per la nostra sezione Cultura vi raccontiamo la terza serata del contest "S ...
  • "Il sonno della scrittura genera mostri." Un'interessante riflessione sul fatto che "scrivere ben ...
  • Nel 1938 gli architetti razionalisti Giuseppe Terragni e Pietro Lingeri dedicavano a "La Commedia ...
  • Cosa si nasconde dietro la fenomenologia del rewatch, ovvero dietro quella voglia di rivedere ser ...

martedì 7 Dicembre 2021